“Sai tenere un segreto?” di Sophie Kinsella

///“Sai tenere un segreto?” di Sophie Kinsella
  • “Sai tenere un segreto?” di Sophie Kinsella

Emma Corrigan. Venticinque anni, cinquantotto chili (cinquantadue per il fidanzato). Odia il perizoma e i maglioncini fatti ad uncinetto dalla sua amica Katie, adora lo sherry dolce e indossa vestiti usati.
 È fidanzata con Connor, un ragazzo perfetto (forse anche troppo) del quale però non è più così tanto innamorata, ed ha una famiglia che purtroppo non la stima granché.

Emma è di ritorno da un viaggio a Glasgow quando, in preda al panico a causa di un volo un po’ turbolento, comincia a parlare a ruota libera con l’uomo seduto accanto a lei, raccontandogli i suoi segreti più intimi. Peccato che l’uomo in questione sia Jack Harper, fondatore della Panther Corporation, multinazionale per cui lavora Emma.
Ovviamente questo la ragazza non lo sa e sarà infatti dopo aver visto l’uomo in questione varcare la porta del suo ufficio che si renderà conto che la persona a cui ha raccontato vita, morte e miracoli di se stessa è in realtà il suo capo.

Di facile lettura, “Sai tenere un segreto ?” si è rivelato essere un ottimo passatempo.
È un romanzo genuino che è in grado di tenere il lettore attaccato alle pagine dall’inizio alla fine.

A mio avviso non è un banale romanzetto rosa tutto baci e parole smielate ma è molto di più.
Questo libro innanzitutto permette alle lettrici di identificarsi nella protagonista: a quante di noi è capitato infatti di sentirsi inadeguate per il nostro modo di essere o addirittura fallite ?
Inoltre offre parecchi spunti di riflessione a proposito di amore, amicizia e sincerità.
Per questi motivi ne consiglio vivamente la lettura.

“Perché ho imparato che, se non si può essere sinceri con gli amici, i colleghi e i propri cari, cosa diventa la vita?”

2018-07-18T12:31:07+00:008 luglio 2018|Categories: Pagina Tre|
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK