Nuovo ePub. “De Vincenzi e il mistero di Cinecittà” di Augusto De Angelis

Home/Griffo, Podcast web/Nuovo ePub. “De Vincenzi e il mistero di Cinecittà” di Augusto De Angelis

Nuovo ePub. “De Vincenzi e il mistero di Cinecittà” di Augusto De Angelis

(voce di SopraPensiero)

Grazie ai volontari del Progetto Griffo è online (disponibile per il download gratuito) l’ePub De Vincenzi e il mistero di Cinecittà di Augusto De Angelis.

Il commissario De Vincenzi, appena trasferito da Milano a Roma, si trova alle prese con una nuova inchiesta complicata. Si tratta di un caso di duplice omicidio nell’ambiente cinematografico. A poche ore l’uno dall’altro sono stati uccisi il regista, geniale nel suo lavoro e molto amato dalle donne, ed uno degli attori dello stesso film. Oltretutto il commissario, non ha molto tempo per risolvere il caso. Il Questore glielo ha detto senza mezzi termini: “… per carità, non trascinatemi questa storia a lungo. Qui bisogna far presto. E non fatemi aver noie…”

Sinossi a cura di Rosario Di Mauro

Dall’incipit del libro:

De Vincenzi e il mistero di CinecittàDodici persone si trovavano riunite nella serra d’inverno dell’albergo.
Dodici persone visibili, di sangue carne muscoli e ossa, che vestivano panni, pensavano, agivano: e una tredicesima invisibile, tanto più presente nella sua essenza incorporea. Sicché ognuna delle altre poteva averla accanto e addosso, muta, inavvertita e implacabile.
Dodici persone, provenienti da lontane parti del mondo, o che da assai lontano tornavano. Inconsapevolmente legate a un comune destino, quotidianamente giocavano col tragico e consideravano la tragedia materia di speculazione artistica e di commercio, ideandola, plasmandola, rendendola parlante e viva sullo schermo.
A riunire quelle persone lì dentro erano stati i milioni di Giucé Caienni e di Micheluccio Vernieri, e la volontà di Vassilli Boldviski. Queste due forze, una bruta e l’altra brutale seppure intelligente, avevano creato l’Acidalia Film, casa cinematografica annunziatasi subito solida e potente. Che i milioni ci fossero nessuno poteva dubitare dopo la pubblicità data ai grossi depositi in banca, alle elargizioni benefiche, all’acquisto di un immobile principesco, che accoglieva nelle sue grandi sale, con gli uffici della Società, un battaglione di impiegati, di tecnici, di fattorini.

2017-04-18T18:52:01+00:00 13 aprile 2017|Categories: Griffo, Podcast web|Tags: , |