“Melodie ebraiche” di George Gordon Byron

/, Podcast web/“Melodie ebraiche” di George Gordon Byron
  • George Gordon Byron

Pubblicato Melodie ebraiche di George Gordon Byron.

Dall’incipit del libro:

Il secolo decimonono, perchè spettatore di strani avvenimenti e di un alterno volgere di grandi fortune, venne in certo modo educato alla sventura crebbe gli animi alla melanconia e non di rado gli abbandonò alla disperazione. I prischi sogni di una felicità ideale si dissiparono, le care illusioni della fantasia si spensero e tutto quanto di lieto si creava il pensiero si perdette in quel tremendo vero che genera nei cuori un buio vôto ed una spaventevole aridità. In cosiffatta condizione di pensamenti e di tempi tornava difficile e poco men che impossibile il dar vita ad una poesia che fosse conforme all’indole severa e schiva delle menti e che non patisse alterazione nella sua natura, riposta tutta in quel bello morale e sensibile da che tanto abborre la scuola de’ moderni. Non mancò taluno che dalla religione dall’amor di patria e dalle bellezze della natura s’ingegnò a derivare sangue e colorito a’ suoi componimenti: e costui si ebbe fama, non sappiamo quanto duratura, di valoroso scrittore più perchè si diè a secondare la ragione e le inclinazioni del suo secolo, anzicchè per intrinseca efficacia de’ suoi versi. Quando verranno ad affievolirsi l’amore pel misticismo e per le cronichette del medio evo, quando per un ponderato studio ne’ classici di tutt’i tempi anderà giù quel non so che di gotico e di ammanierato che ora occupa tutte le menti, quando infine nuovo mutar di sorti avrà cangiato l’aspetto delle nazioni, non sapremo affermare che tali poesie debbano tenersi ancora in quel pregio in cui ora sono tenute.

2014-09-03T19:27:48+00:001 Settembre 2014|Categories: Manuzio, Podcast web|Tags: , |