“Lu fattu di Bbissana” di Alessio Di Giovanni

/, Podcast web/“Lu fattu di Bbissana” di Alessio Di Giovanni
  • Egon Schiele. Death and the Maiden, 1915

(voce di SopraPensiero)

Pubblicato Lu fattu di Bbissana di Alessio Di Giovanni.

Breve opera in dialetto siciliano, o più precisamente in sottodialetto agrigentino, composta da sei sonetti che formano un poemetto organico definito dallo stesso autore “piccolo dramma campagnuolo” ambientato nell’assolato e solitario latifondo agrigentino. Il sottotitolo è “Bhotta di sangu”, colpo di sangue, che Giuseppe Traina in “Siciliani Ultimi” definisce un “malore in cui il sangue riscaldato o eccessivo si determina alla cute infiammandola”; ma di esso si può anche morire, col sangue scaldato da collera o turbamento…

Pasolini si occupa di questo breve testo poetico in La poesia dialettale del novecento (Milano, 1960); dice: “…usa modi realistici assolutamente fuori dalla chiarezza oggettiva e preordinata della cronaca… egli ne fa un pretesto per una rappresentazione di vita popolare ma lasciata nel suo mistero, irriducibile a compartecipazione. […] Le immagini realistiche del “Fattu di Bbissana” compaiono così, di colpo, dietro le svolte di quella sintassi, dietro il grumo misterioso di un sintagma bruciante d’un’incomprensibilità piena di colore: i fatti (secondo la tecnica del Verga migliore) accadono in fondo agli scorci e alle anfrattuosità del linguaggio…”. Pasolini in questo suo breve commento identifica il vero protagonista del testo: il linguaggio duro e violento elevato tuttavia a dignità letteraria.

Verga dice: “Il bravo poeta Di Giovanni scrivendo ccu la parrata girgintana non si fa capire da nessuno comu si avissi scrittu turcu”. Le abbondanti note dell’autore tuttavia chiariscono non poco e permettono di lasciare intatta la vivacità e la libertà di un meccanismo linguistico interpretato da un vecchio della campagna agrigentina.

Sinossi a cura di Paolo Alberti

Dall’incipit del libro:

‘A bbonu!… Èranu zziti, cà lu ‘nguaggiu
S’avia a ffari ‘ntra luggliu, a la rricota
Di lu frummentu… Peppi era sarvvaggiu…
Ma lu Cìfaru ‘ntanta ‘nquarcchi bbota
A li meggliu… e, a Bbissana, sttu viaggiu,
Cugglìa sppichi la Turcca, ca si vota
Cu Ppeppi ca mitiva: – Nca, curaggiu
Cumpa’!… Eni veru ca la rosa è ccota!…
Ma si ddru Cristtu voli!… – E ddati ddocu!…
– Nca si pperddu lu senziu!!… – Bbah!… nicchiù
Cummari Maddalena!… cà ssu focu
U’ mm’abbruscia!… Tajà’, tajà’ a Ccaluzza!…
E cchiddra: – Chi nn’è ffari?!… i’ voggliu a bbu’!
– U’ mm’abbruscia ssu focu, la suruzza!…

2017-03-02T18:29:49+00:00 28 febbraio 2017|Categories: Manuzio, Podcast web|Tags: , |