“La visita meravigliosa” di Herbert George Wells

Home/Progetti/Manuzio/“La visita meravigliosa” di Herbert George Wells

“La visita meravigliosa” di Herbert George Wells

Pubblicato La visita meravigliosa di Herbert George Wells.

Romanzo del 1896 nel quale tuttavia ravvisiamo già la progettualità utopica che in Wells è insieme desiderio di giustizia, di ordine, di efficienza raggiungibili solo attraverso un’evoluzione societaria pianificata e controllata.
In una cittadina della provincia inglese il Vicario, esperto ornitologo, spara a un angelo, proveniente evidentemente da un’altra dimensione, credendolo un uccello raro, ferendolo. Lo cura e prende a proteggerlo, ma le velleità di rinnovamento e di giustizia dell’angelo naufragheranno nell’illusione e nell’angoscia per le assurde ingiustizie tipiche del mondo umano fino a condurlo a morte. Pungente la satira wellsiana nei confronti del conformismo e del perbenismo borghese, e persino dell’ottusità del mondo della scienza.

Sinossi a cura di Catia Righi e Paolo Alberti

Dall’incipit del libro:

La notte dello Strano Uccello parecchie persone a Sidderton (ed alcune dei più vicini dintorni) videro uno sprazzo abbagliante di luce sulla palude di Sidderford. Ma a Sidderford nessuno se ne accorse, essendo la maggior parte degli abitanti addormentati.
Durante il giorno, il vento avea continuato a soffiare, cosicchè sulla palude le allodole talvolta sfioravano la terra, e tal’altra inalzavansi tanto da essere portate dal vento, come le foglie. Il sole erasi coricato in un letto di nubi sanguigne e la luna rimaneva nascosta. L’apparente meteora fu descritta quale una gran luce dorata, simile ad un raggio brillante scaturito dal ciclo, ma d’uno splendore ineguale; dei lampi arcuati, simili a sciabole brandite, di tanto in tanto ne rompevano l’uniformità. Non ebbe che la durata d’un momento, lasciando poscia la notte più opaca e tenebrosa.
La rivista scientifica, Natura, ricevette molte lettere su questo fenomeno e le pubblicò assieme ad un disegno grossolano, che a voce unanime non fu trovato molto rassomigliante. (Si può vedere, del resto, tale disegno nel volume CCLX di quella pubblicazione, a pag. 42).
Neppur un’anima viva in Sidderford vide lo splendore, ma Annie, la moglie di Hooker Durgan, che era a letto ma non dormiva, ne scorse il riflesso: una lingua d’oro svolazzante…. e serpeggiante lungo la parete.

2017-04-19T15:17:30+00:00 19 aprile 2017|Categories: Manuzio|