“La storia della matematica nella università di Bologna” di Ettore Bortolotti

///“La storia della matematica nella università di Bologna” di Ettore Bortolotti
  • Portrait of a Mathematician. Ferdinand Bol

In questo testo l’autore condensa i risultati dei suoi più importanti pluriennali studi su Raffaele Bombelli, Evangelista Torricelli, Mengoli e Manfredi inserendoli in un contesto di sviluppo storico della ricerca e della scoperta matematica avvenuta nell’ambito dell’Università bolognese, dove fu professore per 17 anni.

L’esame di questo sviluppo si snoda a partire dal 1400 e giunge all’inizio del ‘900. Nella sua ricerca traspare sempre l’obiettivo di rivendicare scoperte e contributi poco riconosciuti a matematici italiani, ma il rigore si rileva dal suo metodo di lavoro, che comporta la verifica sugli originali di affermazioni di altri studiosi, e dalla capacità di calarsi nella mentalità dello studioso dell’epoca e contestualizzare la sua ricerca.

Sinossi a cura di Paolo Alberti

Dall’incipit del libro:

In un «Primo periodo», che comprende i secoli XII-XV, la Matematica apparisce nei Rotuli del nostro Studio, come ancella della Astrologia, e viene coltivata dai Maestri d’abbaco, che leggono Aritmetica e Geometria a scopi essenzialmente utilitarii, ma con indirizzi superiori nel campo della risoluzione algebrica di problemi riducibili al secondo grado, e della Applicazione dell’Algebra a questioni geometriche.
In questo campo, e nella Teoria dei radicali, non solo essi riacquistarono ciò che dagli antichi e dagli arabi era stato ritrovato, ma seppero aggiungere notevoli sviluppi, che apprestarono un ambiente scientifico, dove, nel «Secondo periodo», che comprende tutto il secolo XVI, i matematici bolognesi riescirono a superare d’un balzo l’ostacolo che da più di cinque millenni incombeva su la scienza dei numeri: Scipione dal Ferro trovava la soluzione algebrica delle equazioni e dei problemi del 3° grado; Ludovico Ferrari estendeva al quarto grado la risoluzione del dal Ferro; Gerolamo Cardano riduceva a teoria quelle scoperte, colla pubblicazione della Ars Magna, opera insigne, dalla quale può farsi cominciare l’èra moderna nella storia della Matematica: infine Raffaele Bombelli, colla introduzione degli immaginari, e colla pubblicazione della sua «Opera d’Algebra», stabiliva il campo di validità delle nuove teorie e faceva manifesto l’intimo legame fra le successive estensioni del concetto di numero e le corrispondenti generalizzazioni delle teorie matematiche.

Scarica gratis: La storia della matematica nella università di Bologna di Ettore Bortolotti.

2018-10-25T12:22:01+00:0024 ottobre 2018|Categories: Manuzio|