Pagina Tre

//Pagina Tre

WITHYOUWEDO: il progetto Social Books, anche per studenti con DSA

2016-10-14T03:27:22+00:00 26 aprile 2015|Categories: Pagina Tre|

(voce di SopraPensiero)

Social BooksVolentieri rilanciamo il progetto “Social Books”, che partecipa all’iniziativa “WITHYOUWEDO” di Telecom Italia, invitandovi a sostenerlo.

“Social Books” è un progetto di editoria sociale pensato per migliorare l’apprendimento, innovando la Scuola. Un metodo innovativo per creare testi di qualità per tutti, dotare gli studenti di competenze informatiche e digitali, far risparmiare le famiglie e rendere protagonisti del processo di apprendimento insegnanti, studenti e professionisti della didattica. (altro…)

Da oggi a Ferrara una mostra su Aldo Manuzio

2015-03-31T14:23:18+00:00 19 marzo 2015|Categories: Pagina Tre, Podcast web|Tags: , , |

Aldo Manuzio: umanista, tipografo ed editore nelle collezioni antiche della Biblioteca Comunale Ariostea.

In occasione dei cinquecento anni dalla morte di Aldo Manuzio (ca. 1450-1515), la Biblioteca Comunale Ariostea dedica una mostra alla figura del celebre umanista, tipografo ed editore, che soggiornò nella Ferrara dei duchi d’Este.

La mostra sarà inaugurata, alla presenza del vicesindaco Massimo Maisto, giovedì 19 marzo 2015 alle ore 17.30 nella Sala Ariosto della Biblioteca Comunale Ariostea. La curatrice della mostra, Mirna Bonazza, responsabile della Sezione Manoscritti e Rari dell’Ariostea e dell’Archivio Storico, ha selezionato dalle raccolte della Biblioteca Ariostea rari e preziosi esemplari. Nelle vetrine sono infatti presenti edizioni del Quattrocento, di grande pregio, uscite dalla tipografia veneziana di Aldo Manuzio, di autori classici in lingua greca: Esiodo, Aristotele, Esichio di Alessandria, Museo Grammatico. Inoltre, cinquecentine stampate da Aldo Manuzio e dai suoi eredi, nonché edizioni di opere dello stesso Manuzio. (altro…)

Recensione del film “Sette anime”

2016-10-14T03:27:24+00:00 4 marzo 2015|Categories: Pagina Tre|

Copertina del film <i><<Sette anime>></i><<C’è stato un suicidio>>
<<Chi è la vittima?>>
<<Io>>

Queste sono le parole con cui ha inizio il film “Sette anime” e all’ascolto di queste primissime battute lo spettatore ancora del tutto all’oscuro di quanto sta per vedere, capisce che quello che ha deciso di vedere non è un film comune, uno di quelli che ti scorrono addosso senza lasciarti nulla.

D’altronde per nulla comune è la storia del protagonista, Tim Thomas, interpretato da un intenso Will Smith. Coppia collaudata, quella di Muccino e Smith, già insieme nel film multipremiato “La ricerca della felicità”, ancora una volta risulta vincente, dando vita ad un film,  che sebbene non abbia incontrato un pari favore nella critica, è capace di muovere l’animo degli spettatori a intense riflessioni sull’autenticità di alcuni sentimenti, forse fin troppo assopiti in una società materialista e individualista come quella in cui ci troviamo a vivere. (altro…)

Editoria digitale: pro o contro?

2016-10-14T03:27:34+00:00 11 novembre 2014|Categories: Pagina Tre|Tags: , , , |

Pagina TreRiprendiamo un articolo di Pagina Tre, la rivista culturale di Liber Liber, che prova a descrivere due diversi punti di vista a proposito di editoria:

Ebook sì, ebook no: il libro elettronico lo ami o lo odi. Per sottrarci alla bufera del dibattito tra favorevoli e contrari (quasi sempre per prese di posizione visceral-ideologiche, più che razionali) abbiamo intervistato due tra gli editori italiani più competenti e con le idee più chiare al riguardo: la E-text, apertamente favorevole all’innovazione tecnologica tout court e la ProgEdit, saldamente ancorata al fascino classico dell’inchiostro e della carta.

Un confronto equilibrato e lucido che dà un po’ il quadro di come stanno le cose oggi nel mondo dell’editoria, sempre più a contatto con il digitale. E di come saranno di qui a poco.

(altro…)

Intervista a Laura Costa, co-autrice di “Missione città”

2016-10-14T03:28:37+00:00 27 gennaio 2014|Categories: Pagina Tre, Teatro|


Riprendiamo da Pagina Tre l’intervista a Laura Costa:

Il teatro-ragazzi non è solo intrattenimento per i più piccoli, ma una realtà variegata, ricca di idee e di artisti di valore capaci di coniugare tradizione e nuovi mezzi di comunicazione; una realtà presente nei teatri stabili come nelle scuole e nel teatro di strada, capace, spesso, di superare per sperimentazione e originalità il teatro per adulti.
(altro…)

Nasce il blook del Villaggio di Ofelon

2016-10-14T03:32:16+00:00 11 febbraio 2009|Categories: Eventi, Pagina Tre|

OfelonSu Pagina Tre, la rivista di Liber Liber, recensiamo periodicamente siti Internet, libri, film, spettacoli teatrali. Questo mese, segnaliamo il blook “A piccoli passi – percorso di riflessioni”, dei fratelli Riccardo e Giacinto Sabellotti, pubblicato sul sito del Villaggio di Ofelon.

Il blook consiste nell’applicazione di un blog ai paragrafi di un libro, in modo da coinvolgere i lettori con i propri commenti man mano che il libro viene pubblicato. Ci si può registrare al blook con un nickname e un avatar di ispirazione medievale, così da evocare la suggestione di una vera tavola rotonda. Su Pagina Tre i dettagli.

In Europa c’è chi vuole ulteriori limiti per la musica libera

2016-10-14T03:32:17+00:00 16 dicembre 2008|Categories: Eventi, LiberMusica, Pagina Tre|

una foto di Charlie McCreevy tratta da sito ZeusNews, http://www.zeusnews.it/

una foto di Charlie McCreevy tratta da sito ZeusNews, http://www.zeusnews.it/

Il 16 luglio 2008 la Commissione europea ha proposto di estendere il copyright a interpreti, esecutori e produttori di fonogrammi da 50 a 95 anni. I proponenti giustificano l’estensione riconoscendole numerosi effetti benefici ed in particolare la capacità di rappresentare un incentivo maggiore all’attività artistica. Tuttavia, l’analisi, specie economica, del mercato musicale smentisce le giustificazioni addotte dalla Commissione…

Le pressioni delle multinazionali dell’intrattenimento hanno purtroppo fatto breccia anche in Europa, e ora la musica libera e gratuita è a rischio.

Il Commissario Europeo Charlie McCreevy ha recentemente proposto di estendere la durata del diritto d’autore per gli interpreti da 50 a 95 anni.

McCreevy sostiene che questa norma è a difesa degli esecutori, specie se poco noti, i cui diritti scadrebbero quando sono ancora in vita.

La difesa dei deboli è spesso usata anche dalle major, quando spingono per sanzioni penali sempre più severe e multe sempre più elevate a difesa del copyright (al punto che in Italia la vendita di un CD comporta rischi ben maggiori della falsificazione del bilancio di una grande azienda). (altro…)