Dall’incipit del libro:

Così al cominciamento del secolo cantava il poeta dell’ideale, il poeta che più che altro mai intendeva la vera libertà, del cuore come dell’intelletto, del braccio come dello spirito. E più tardi,  anzi pochi anni fa, la più soave musa dell’Inghilterra alzava la sua voce contro il paese nativo per la crudeltà sua o piuttosto pel suo obblìo dei bambini sulle strade di Londra. Lo Shelley e la Browning vissero lungamente in Italia e amavano Questo paradiso degli esuli in modo da far ingelosire i proprii compatriotti; non sospettando mai che nella patria del loro cuore vi fossero miserie e squallore e dolori insuperati anche nei tempi peggiori dell’Inghilterra. E gl’Inglesi tutti, cosa fieri ed orgogliosi di ogni cosa britannica, gl’Inglesi, che non si commuovono alle lodi straniere e ne sprezzano il biasimo, arrossirono e non seppero replicar sillaba, quando alle loro proteste contro la schiavitù politica, in cui furono tenuti gl’Italiani d’allora, qualcheduno degli oppressori rispondeva: «E che libertà hanno le vostre plebi? la libertà di morir di fame!»

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
La miseria in Napoli
titolo per ordinamento:
miseria in Napoli (La)
autore:
opera di riferimento:
La miseria di Napoli / per Jessie White Mario. - Firenze : Le Monnier, 1877. - 308 p. ; 19 cm
licenza:

data pubblicazione:
6 giugno 2008
opera elenco:
M
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
revisione:
Paolo Oliva, paulinduliva@yahoo.it