Eneide 2016-10-14T03:22:19+00:00

L’Eneide di Virgilio qui pubblicata è stata tradotta da Annibale Caro (1507-1566), che ha volontariamente modificato il testo originale nei vv. 772-782, inserendovi un episodio legato alle satire dei villani.

Dall’incipit del libro:

Quell’io che già tra selve e tra pastori di Titiro sonai l’umil sampogna, e che, de’ boschi uscendo. a mano a mano fei pingui e cólti i campi, e pieni i vóti d’ogn’ingordo colono, opra che forse agli agricoli è grata; ora di Marte L’armi canto e ‘l valor del grand’eroe che pria da Troia, per destino, a i liti d’Italia e di Lavinio errando venne; e quanto errò, quanto sofferse, in quanti e di terra e di mar perigli incorse, come il traea l’insuperabil forza del cielo, e di Giunon l’ira tenace; e con che dura e sanguinosa guerra fondò la sua cittade, e gli suoi dèi ripose in Lazio: onde cotanto crebbe il nome de’ Latini, il regno d’Alba, e le mura e l’imperio alto di Roma. Musa, tu che di ciò sai le cagioni, tu le mi detta. Qual dolor, qual onta fece la dea ch’è pur donna e regina de gli altri dèi, sí nequitosa ed empia contra un sí pio?

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

Opera:
Eneide
Opera ordinamento:
Eneide [traduzione Caro]
Autore:
Fonte:
L' Eneide di Virgilio nella traduzione di Annibal Caro Ulrico Hoepli Editore S.p.A. Milano 1991
Licenza:

Data:
21 luglio 1998
Opera elenco:
E
Fonte ISBN:
88-203-1919-5
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Amedeo Marchini
Pubblicazione:
Alberto Barberi
Revisione:
Enrico Flaiani, efl@iol.it
Traduzione:
Annibal Caro