racconto

Dall’incipit del libro:

— Ma quest’omnibus è tornato, sì o no?
— Non ancora, signor conte.
— Pure, il diretto dovrebb’essere già arrivato da mezz’ora!
— Lei sa bene che un treno in orario ha sempre mezz ’ora di ritardo, tanto più se è un diretto .
Il conte Giorgio Tibaldi mormorò tra le labbra una parola italiana, che somigliava alquanto al sinonimo d’un accidente, poi escì dall’atrio del Grand Hôtel e si fermò sopra l’ampia gradinata, a fumare rabbiosamente una favorita , guardando, spazientito e distratto, il Tirreno troppo turchino e troppo tranquillo, in desolante monotonia, e la rotonda di Pancaldi, popolata di sonnolenti leggitori di giornali, di mamme industriose, assorte nei lavori di uncinetto, nell’ombra dei larghi tendoni, che riparavano dai raggi torridi, non dai fastidiosi riflessi d’un sole tremendo che pareva l’ira di Dio. Ogni tanto, il bagnino Tenebrone, con le carni del colore del bronzo, traversava la rotonda e, col sorriso ebete e cortese, diceva a qualche signo ra, toccando rispettosamente il cappello di paglia:
— Signora Teresina, la baracca è pronta.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
Guerra in tempo di bagni
sottotitolo:
racconto
titolo per ordinamento:
Guerra in tempo di bagni
autore:
opera di riferimento:
"Guerra in tempo di bagni : racconto", Luigi Arnaldo Vassallo; nuova edizione con prefazione di Pier Giulio Breschi; Fratelli Treves Editori; Quinto migliaio; Milano, 1924
licenza:

data pubblicazione:
20 aprile 2006
opera elenco:
G
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it Alberto Barberi, collaborare@liberliber.it
revisione:
Michele Antonini, michantolini@libero.it