La tempesta

La tempesta 2016-10-14T03:22:52+00:00

Con il saggio Prospero di Harold W. Mandefield.

La tempesta (The Tempest) è una commedia drammatica in cinque atti scritta da William Shakespeare tra il 1610 e il 1611. Ambientata su un’isola imprecisata del Mediterraneo, racconta la vicenda di Prospero, duca di Milano in esilio, che trama per riportare sua figlia Miranda al posto che le spetta, utilizzando illusioni e manipolazioni magiche.

Antonio, fratello di Prospero e usurpatore del ducato, Alfonso, Re di Napoli e complice di Antonio nella deposizione di Prospero e Ferdinando, figlio del Re Alfonso, stanno navigando per il mare in ritorno da Cartagine, quando vengono travolti da una tempesta invocata dallo stesso Prospero. La tempesta li fa naufragare, incolumi, sull’isola. Qui, attraverso la magia e con l’aiuto del suo servo Ariel, uno spirito dell’aria, Prospero riesce a smascherare l’animo meschino di Antonio, a redimere il Re e a far innamorare e sposare sua figlia Miranda con il principe di Napoli Ferdinando.

La narrazione è tutta incentrata sulla figura di Prospero e sulla sua abilità di tessere trame e piegare eventi e personaggi a suo favore.

È tradizionalmente ritenuta la penultima opera di William Shakespeare, l’ultima scritta da solo. Il monologo finale con il quale Prospero annuncia di abbandonare la magia, per riconciliarsi con se stesso e la società, da molti studiosi viene ritenuto l’addio di Shakespeare al teatro.

Per gentile concessione del prof. Goffredo Raponi (cenni biografici) che ha curato traduzione e note. Il testo è stato realizzato in collaborazione con l’associazione “Festina Lente C.I.R.S.A.“.

Dall’incipit del libro:

A bordo di un vascello in mare. Tempesta, tuoni e fulmini
Entrano il CAPITANO e il CAPO NOCCHIERO

CAPITANO —
Capo nocchiero!
CAPO NOCCHIERO —
Son qui, capitano.
Che c’è?

CAPITANO —
Coraggio, dà voce alla ciurma:
che si diano daffare, forza, forza!
O qui coliamo a picconota1… Avanti! Presto!
(Esce)
Entrano alcuni MARINAI

CAPO NOCCHIERO —
Forza, ragazzi! Forza, fate cuore!
Voi, qua, imbrigliate la vela maestra!
Attenti al fischio, là, del capitano!
Ventaccio cane, soffia s’hai polmoni!
Soffia, fino a scoppiare!

Entrano ALONSO, SEBASTIAN, ANTONIO, FERDINANDO, GONZALO e altri

ALONSO —
Ehi, là, nostromo!
Mi raccomando, attenti alla manovra!
Il capitano, dov’è il capitano?
Mettete all’opera tutta la ciurma.

CAPO NOCCHIERO —
E voi tenetevi sotto coperta!

ANTONIO —
Il capitano! Dov’è il capitano?

CAPO NOCCHIERO —
(Porgendo orecchio al fischio del capitano)
Non lo sentite?… Ma via dalla tolda,
che ci state intralciando la manovra!
Il vostro posto è giù, sotto coperta;
se rimanete qui,
date solo una mano alla burrasca.

Scegli una edizione a pagamento per aiutarci
ePub AmazonePub iTunes
Scarica gratis
ePubODTPDFePub Yeeridavedi audiolibro

Opera:
La tempesta
Opera ordinamento:
tempesta (La)
Autore:
Fonte:
William Shakespeare : the complete works / a new edition edited with an introduction and glossary by Peter Alexander - London ; Glasgow : Collins, 1960 - XXXII, 1376 p., [16] c. di tav. : ill. ; 21 cm.
Cura:
Raponi, Goffredo
Licenza:
Creative Commons "Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale", http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

Data:
4 febbraio 2014
Opera elenco:
T
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
ISBN:
9788897313656
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
Impaginazione epub:
Massimo Rosa, max.rosa@icloud.com
Pubblicazione:
Marco Calvo
Revisione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Catia Righi, catia_righi@tin.it
Giulio Mazzolini (ePub)
Ugo Santamaria
Traduzione:
Raponi, Goffredo