Angelo Secchi

///Angelo Secchi
Angelo Secchi 2017-05-30T13:32:28+00:00

Angelo SecchiAngelo Secchi nacque a Reggio Emilia il 28 giugno 1818. Terminate le scuole elementari, fu avviato al ginnasio di Reggio, diretto dai gesuiti. Completati gli studi ginnasiali all’età di quindici anni, Secchi chiese di entrare nella Compagnia di Gesù. Egli trascorse il periodo del noviziato in minima parte a Bologna, proseguendo il resto a Roma sul finire del 1833, dapprima in S. Andrea al Quirinale e poi nel Collegio Romano, ove terminò gli studi.

La formazione di Angelo Secchi fu sicuramente di tipo classico. Nelle scuole dei gesuiti veniva data grande importanza allo studio dei classici con la relativa conoscenza del latino e del greco; solo negli ultimi anni di scuola veniva impartito anche un insegnamento scientifico. I suoi docenti, per le materie scientifiche, furono i padri gesuiti Giambattista Pianciani (1784 – 1862) e Francesco De Vico (1805 – 1848). Quest’ultimo fu un valente astronomo e direttore dell’Osservatorio del Collegio Romano prima di Secchi.

A causa delle difficili vicende politiche romane nel 1848, padre Secchi con i suoi confratelli dovette emigrare: fece prima tappa a Stonyhurst in Inghilterra e indi a Washington D.C. al collegio dei gesuiti di quella città. Il professor Elia Millosevich affermò che all’Osservatorio del Collegio di Georgetown padre Secchi iniziò la sua brillante carriera astronomica perché padre Curley, direttore dell’Osservatorio, lo assunse come assistente. Il cardinale Pietro Maffi scrisse: “Forse senza l’esilio il padre Secchi non sarebbe stato il padre Secchi”. Del medesimo parere gli astronomi Gaetano Cacciatore e Lorenzo Respighi e il professor Giacomo Manuelli.

Al ritorno dei gesuiti in Roma, l’urgenza di rimodernare le strutture dell’Osservatorio si fece sempre più evidente. Padre Secchi riprese l’idea di Ruggero Boscovich (ma non il suo progetto di cui si era persa ogni traccia) e affidò all’ing. Vescovalli l’incarico di redigere il progetto del nuovo Osservatorio. Esso doveva prevedere, in aggiunta ad alcuni ambienti riservati ad abitazione, studio e biblioteca, quattro corpi di fabbrica per le osservazioni meridiane, per il grande equatoriale, per l’equatoriale minore di Chauchaoix e infine per il gabinetto magnetico e meteorologico. L’attività di padre Secchi fu notevolissima: svolse un gran numero di attività, pubblicò numerosissimi articoli, mantenne contatti epistolari con i più famosi scienziati del suo tempo, partecipò a spedizioni scientifiche internazionali, presenziò a congressi scientifici e fu membro di numerose Accademie italiane e estere.

Come direttore dell’Osservatorio del Collegio Romano Secchi si dovette occupare di magnetismo, di meteorologia (il cui studio era stato approfondito da Secchi durante il soggiorno a Washington con il commodoro F.M. Maury) e di misure geodetiche. Inoltre quale esperto dello Stato Pontificio dovette occuparsi di acquedotti, sanità, clima ed elettricità. Nel campo meteorologico suscitò notevole scalpore a livello mondiale il meccanismo, esposto e premiato nella Esposizione Universale di Parigi del 1867, detto il “Meteorografo”. Questo strumento consentiva la registrazione a distanza della temperatura, pressione, direzione del vento, velocità del vento e pioggia. Il premio per questo nuovo tipo di strumento fu conferito a Secchi da Napoleone III in persona, che lo nominò Ufficiale della Legion d’onore.

Nel campo geodetico, Secchi determinò la latitudine dell’antico e del nuovo Osservatorio del Collegio Romano, valore confermato 40 anni dopo da Elia Millosevich. Determinò la differenza di longitudine fra il suo Osservatorio e quello di Capodimonte presso Napoli, collegando così Roma con i meridiani fondamentali del globo. La sua opera geodetica principale fu però la nuova “Misura della Base Trigonometrica”, eseguita sulla via Appia nel 1854-55. L’opera era stata compiuta nel 1751 da Boscovich, con partenza dal monumento di Cecilia Metella, ma si era smarrito il termine di arrivo presso le Frattocchie. La parte preponderante dell’opera di Secchi riguarda però l’astronomia. Egli fece anche delle ricerche di astronomia di posizione, ma la sua vera innovazione fu l’apertura all’astrofisica.

Note biografiche tratte da Wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Angelo_Secchi

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
Autore:
Angelo Secchi
Ordinamento:
Secchi, Angelo
Elenco:
S