Max Reger

Home/Autori/Autori R/Max Reger
Max Reger 2016-10-14T03:21:46+00:00

Max RegerJohann Baptist Joseph Maximilian Reger detto Max (Brand, 19 marzo 1873 – Lipsia, 11 maggio 1916) è stato un compositore, organista, pianista e insegnante di composizione tedesco.

Figlio di Joseph Reger, un insegnante e musicista dilettante, nel 1884 ricevette a Wiesbaden le prime lezioni di pianoforte da parte di Adalbert Lindner. Nel 1888, dopo aver assistito a Bayreuth alla rappresentazione delle opere Die Meistersinger von Nürnberg e Parsifal di Richard Wagner, decise di continuare gli studi musicali per diventare compositore. In questi anni fu anche attivo come sostituto organista dello stesso Lindner. Successivamente nel 1890 fu allievo di composizione di Hugo Riemann, noto teorico della musica, al conservatorio di Wiesbaden, dove approfondì lo studio dei lavori per tastiera di Johann Sebastian Bach, completò gli studi pianistici e quelli di composizione. Ed ove iniziò a comporre: la sonata per violino op. 1, lavoro dedicato al suo nuovo maestro, è esempio della scrittura scolastica che presto abbandonerà.

Parallelamente alla propria eduzione artistica, ampliò anche negli anni novanta i propri contatti nell’ambiente musicale cittadino e di alcune città quali Berlino. Fu in contatto con Johannes Brahms, al quale dedicò la Suite op. 16 per organo, ed al quale voleva dedicare la sua prima sinfonia (esistente solo in torso, mai completato). Attraverso il contratto editoriale con la casa inglese Augener il suo lavoro cominciò ad inserirsi in pianta stabile nel repertorio di diversi artisti, ed a questo periodo risale l’inizio dell’amicizia con Karl Straube. Entrò in contatto con Richard Strauss, Eugen d’Albert e Ferruccio Busoni, i quali contribuirono a introdurlo quale compositore nell’ambiente musicale tedesco (in particolare i tre musicisti citati gli aprirono le porte della grande editoria musicale tedesca del tempo).

Conclusi gli studi decise di rimanere a Wiesbaden quale docente del Conservatorio locale, e quindi per prestare il servizio militare volontario; quest’esperienza fece scoprire a Reger i limiti del suo fisico, che gli procurarono sofferenze anche psichiche. Tanto da produrgli un esaurimento nervoso. Fu convinto a tornare seppur controvoglia, mentre era convalescente, nel 1898 nella casa dei genitori a Oberpfalz, dove la sua produzione musicale conobbe una svolta decisiva. La sua famiglia non incoraggiava la sua scelta di essere musicista, e lo vedeva come un fallito (al limite del patologico lo vedevano come un esagitato con manie di onnipotenza). Il successo conosciuto con le grandi pagine organistiche di questo periodo (le grandi Fantasie su Corale), con i lieder cameristici e parte di musica da camera, lo incoraggiarono a proseguire nella sua carriera. Nel 1901 riuscì faticosamente a convincere la famiglia a trasferirsi a Monaco, il cui mondo musicale era di grande attrattiva.

Nel 1902 Reger, di religione cattolica, sposò Elsa von Bercken, una protestante divorziata. Questo matrimonio portò Reger all’essere scomunicato. Questo vide l’emarginazione della sua musica dai circoli cattolici della città. Ciò nonostante divenne molto rapidamente il compositore tedesco vivente più eseguito (sia nella musica da camera che organistica), secondo solo a Richard Strauss. Il periodo monacense lo vide attivo in molteplici funzioni: pianista, in numerosi concerti di musica da camera e quale ricercato accompagnatore di lieder; direttore di coro; compositore prolifico ed infine docente di composizione. Infatti nel 1905 succedette a Josef Rheinberger come insegnante di teoria nella prestigiosa Akademie der Tonkunst (Accademia della Musica).

Sempre molto attento allo sviluppo della sua carriera (ed essendo molto apprezzato in tutta la Germania ma ostracizzato in Monaco), decise nel 1907 di lasciare la città bavarese quando ottenne, grazie anche alla presenza del suo "ambasciatore" Karl Straube fresco di nomina di Organista alla Thomaskirche, a Lipsia la carica di direttore musicale dell’università fino al 1908 e di professore di composizione al Conservatorio Felix Mendelssohn fino alla sua morte. Incarico che prevedeva un impegno meno gravoso. A questo periodo risalgono i primi grandi lavori orchestrali (tra i quali le Hiller Variationen ed i due grandi concerti per violino e per pianoforte. In questo periodo fu sempre più attivo internazionalmente come direttore d’orchestra e pianista accompagnatore ed in gruppi di musica da camera. Tra i suoi studenti nella classe di composizione vi furono anche Joseph Haas e George Szell oltre a musicisti quali i fratelli Fritz Busch e Adolf Busch. Tra i compositori che lo andarono a conoscere per riceverne consigli vi fu anche Bela Bartok.

La sua fama, in questo periodo, gli permise di ottenere due lauree honoris causa. Oltre alla creazione, in diverse città tedesche di "Festival Reger" dedicati esclusivamente alla sua musica. La sua influenza si estese poi su Alban Berg, Paul Hindemith (il quale in più occasioni ebbe a dire che senza Reger sarebbe impossibile pensare al suo stile compositivo), Arthur Honegger, Sergey Prokofiev (che conobbe Reger e la sua musica a S. Pietroburgo) ed Arnold Schoenberg (che lo considerò un genio assoluto). Lo stesso Albert Schweitzer nel 1947 ebbe a scrivere: «L’importanza del lavoro di Reger sarà apprezzata solo nel futuro: io ho avuto molte opportunità di vedere che all’estero non sono molto familiari con la sua opera. Il motivo è causato fondamentalmente dal fatto che due guerre ed il periodo tra le due guerre hanno creato una serie di barriere culturali che altrimenti avrebbero consegnato la sua arte, e nel momento ideale, interamente al mondo.».

Dal 1911 condusse la celeberrima orchestra di corte di Meiningen (già diretta dal celebre Hans von Bulow questa venne sciolta nel 1914, quando Reger si trasferì a Jena. Morì di infarto in albergo a Lipsia.

Note biografiche tratte (e riassunte) da Wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Max_Reger

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
Autore:
Max Reger
Ordinamento:
Reger, Max
Elenco:
R