Il testo è tratto da una copia in formato immagine presente sul sito The Internet Archive (http://www.archive.org/). Realizzato tramite Distributed Proofreader Italia (http://dp-test.dm.unipi.it/).

Dall’incipit del libro:

“Pallidi fiori e ciocche di capelli
Stretti in corone e in lievi nastri avvolti,
Cari ricordi dei miei dì più belli,
Io vo’ guardarvi, io vo’ baciarvi ancor!
Dai chiusi fogli ove voi siete accolti
Un’eterea fragranza si diffonde,
Ed ogni ciocca a un palpito risponde,
E un affetto gentil chiude ogni fior.

Ahi! di tanti sospir, d’ebbrezze tante
Che fûr de l’alma mia parte sì viva,
Di tante fibre del mio core infrante,
Fuor di questi ricordi altro io non ho?
Cari pegni d’amor, se avvien ch’io scriva,
Ch’io pensi o canti, ch’io sorrida o gema,
Sento che nel mio cor qualcosa trema,
Arde qualcosa che morir non può.

Siccome onda di rio querulo e lasso,
Sento ch’io corro, e dove corra, ignoro;
Ma sovra al capo mio, mentre ch’io passo.
Qualche foglia di fior gitta l’april.
Gitta april qualche foglia, o mirto o alloro,
O rosa o giglio al capo mio d’intorno,
E a sognar tosto e a vaneggiar ritorno,
E un caro ad invocar nome gentil.”

Scarica gratis
ODTPDF

titolo:
Ricordanze
titolo per ordinamento:
Ricordanze
autore:
opera di riferimento:
Ricordanze : versi / Mario Rapisardi - Pisa : Fratelli Nistri, 1872 - 206 p ; 19 cm.
licenza:

data pubblicazione:
30 settembre 2013
opera elenco:
R
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Distributed Proofreader Italia (http://dp-test.dm.unipi.it/)
Claudio Paganelli (paganelli@mclink.it)
pubblicazione:
Claudio Paganelli (paganelli@mclink.it)
revisione:
Claudio Paganelli (paganelli@mclink.it)