Saggio

Nel 1908 Pirandello scrive L’umorismo un saggio dove confluiscono idee, brani di scritti e appunti precedenti: ad esempio sue varie chiose e annotazioni a L’indole e il riso di Luigi Pulci di Attilio Momigliano e parti dell’articolo Alberto Cantoni, che era apparso già nella «Nuova Antologia» del 16 marzo 1905.

Nel succitato saggio l’autore distingue il comico dall’umoristico. Il primo, definito come “avvertimento del contrario”, nasce dal contrasto tra l’apparenza e la realtà. L’umorismo, il “sentimento del contrario”, invece nasce da una considerazione meno superficiale della situazione. Quindi, mentre il comico genera quasi immediatamente la risata perché mostra subito la situazione evidentemente contraria a quella che dovrebbe normalmente essere, l’umorismo nasce da una più ponderata riflessione che genera una sorta di compassione da cui si origina un sorriso di comprensione.

Nell’umorismo c’è il senso di un comune sentimento della fragilità umana da cui nasce un compatimento per le debolezze altrui che sono anche le proprie. L’umorismo è meno spietato del comico che giudica in maniera immediata.

Sinossi tratta da Wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Pirandello#L’umorismo.

Dall’incipit del libro:

Alessandro D’Ancona, in quel suo notissimo studio su Cecco Angiolieri da Siena, dopo aver notato quanto vi sia di burlesco in questo nostro poeta del sec. XIII, osserva: «Ma per noi l’Angiolieri non è soltanto un burlesco: bensì anche, e più propriamente, un umorista. E qui i camarlinghi della favella ci faccian pure il viso dell’arme, ma non pretendano di dire che in italiano bisogna rassegnarsi a non dir la cosa, perchè non abbiam la parola».
E, accortamente, in una nota a pie’ di pagina, soggiunge: «È curioso però che il traduttore francese di una dissertazione tedesca sull’Humour, inserita nel Recueil de piéces intéressantes, concernant les antiquités, les beaux-artes, les belles-lettres, citando il Riedel. Theor. d. Schöne Kunsten, I. artic. Laune, sostenga che sebbene gli Inglesi, ed il Congreve in particolare, rivendichino per sè i vocaboli humour e humourist «il est néanmoins certain qu’ils viennent de l’italien».
E quindi il D’Ancona riprende: «Del resto, poi, la nostra lingua ha umore per fantasia, capriccio, e umorista per fantastico: e gli umori dell’animo e del cervello ognun sa che stanno in stretta relazione con la poesia umorista. E l’Italia ebbe ai suoi tempi le accademie degli Umorosi a Bologna ed a Cortona e degli Umoristi in Roma, e speriamo che i mali umori della politica non le facciano mai venir meno i begli umori nel regno dell’arte».

Scarica gratis
ODTPDF

titolo:
L'umorismo
sottotitolo:
Saggio
titolo per ordinamento:
umorismo (L')
autore:
opera di riferimento:
L'umorismo : saggio / Luigi Pirandello - 2. ed. aumentata - Firenze : L. Battistelli, 1920 (Milano : F. Sacchetti & C.) - 226 p. ; 19 cm
licenza:

data pubblicazione:
27 marzo 2018
opera elenco:
U
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Distributed proofreaders, https://www.pgdp.net/
Alyssa Violle, alyssa_violle@libero.it
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
revisione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it