Hop-Frog

Hop-Frog 2016-11-09T13:09:59+00:00

A Hop-Frog – buffone, nano, zoppo – tocca in sorte anche una grama vita alla corte di un tiranno crudele. Ma, arrivati alla celebre goccia che fa traboccare il vaso, la vendetta sarà terribile.

Un racconto scritto da Edgar Allan Poe nel marzo del 1849, l’anno della sua morte. Il titolo è attribuito al nome del protagonista.

Dall’incipit del libro:

Non ho conosciuto mai nessuno che più del re fosse portato alla beffa. Pareva non vivesse che per scherzare. Il modo più sicuro per ottenere i suoi favori era di narrare una storia buffa e raccontarla bene. Così avvenne che i suoi sette ministri si distinguevano tutti per i loro talenti di buffone, e non erano da meno del re tanto nell’adiposa corpulenza del fisico quanto nell’attitudine impareggiabile agli scherzi. Se la gente ingrassi con le buffonate, e se nel grasso sia qualcosa che predispone alla buffonata, non sono mai riuscito a determinare; sta di fatto però che un buffone magro è “rara avis in terris”.

Delle finezze, di questi “spettri” dello spirito, come lui le chiamava, il re si dava poca cura. Aveva una speciale ammirazione per la “larghezza” della facezia e per amore di questa digeriva spesso anche la “lunghezza”. Le delicatezze lo annoiavano. Avrebbe preferito il Gargantua di Rabelais allo Zadig di Voltaire; d’altra parte, meglio degli scherzi a parole, si addicevano al suo gusto le beffe in azione.

Al tempo di questo racconto i buffoni di professione non erano del tutto passati di moda alle corti. Varie fra le grandi potenze del continente tenevano ancora di questi “buffoni” che portavano livrea di toppe e il berretto a sonagli e dovevano esser sempre pronti con le loro spiritosaggini a pagarsi le briciole largite dalla tavola reale. Il nostro re, naturalmente, aveva anche lui il suo buffone. Gli occorreva invero qualche cosa di un po’ pazzesco che lo compensasse, se non altro, della pesante saggezza dei sette savi che gli facevano da ministri, per non parlare poi della propria.

Traduzione di Delfino Cinelli.

Scegli una edizione a pagamento per aiutarci
ePub AmazonePub iTunes
Scarica gratis
ePubODTPDFePub Yeerida

Opera:
Hop-Frog
Opera ordinamento:
Hop-Frog
Descrizione breve:
A Hop-Frog, buffone, nano, zoppo, tocca in sorte anche una grama vita alla corte di un tiranno crudele. Ma, arrivati alla celebre goccia che fa traboccare il vaso, la vendetta sarà terribile.
Autore:
Fonte:
Racconti del terrore / Edgar Allan Poe ; Presentazione di Agostino Lombardo. - [Milano] : Unita/Mondadori, 1992. - 301 p. ; 19 cm. - (Il giallo del lunedi ; 9). - Trad. di Delfino Cinelli ed Elio Vittorini.
Copertina:
[elaborazione da] "Ritratto di Sebastian de Morra (1645)" di Diego Velázquez (1599–1660). - Museo del Prado. - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Velazquez-Jester.jpg. - Pubblico Dominio.
Licenza:
Creative Commons "Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale", http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

Data:
13 ottobre 2016
Opera elenco:
H
Soggetto BISAC:
FICTION / Romantico / Generale
ISBN:
9788897314080
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
Impaginazione epub:
Anna Mate, annamate1995@gmail.com
Pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
Ugo Santamaria
Revisione:
Paolo Oliva, paulinduliva@yahoo.it
Rosario Di Mauro, dima49s@libero.it (ePub)
Ugo Santamaria
Traduzione:
Delfino Cinelli