Alfredo Oriani

///Alfredo Oriani
Alfredo Oriani 2016-10-14T03:23:39+00:00

Alfredo OrianiAlfredo Oriani nacque a Faenza nel 1852 da una famiglia aristocratica e molto ricca; nel 1872 si laureò in giurisprudenza a Napoli, cominciando subito dopo la pratica in uno studio notarile di Bologna.

Al 1875 risale il suo primo testo pubblicato, Memorie inutili, un’autobiografia che richiamava da vicino lo stile di Byron; nel giro di qualche anno furono pubblicati i romanzi Al di là (1877), No (1881) e le raccolte di racconti Gramigna (1879) e Quartetto (1883).

Accanto alla produzione narrativa, i cui toni spregiudicati gli valsero la fama di scrittore osceno, Oriani si dedicò alla stesura di pamphlet e saggi storici, prendendo posizione sulle vicende dell’attualità: in Matrimonio (1886) diede una risposta a La questione del divorzio di A. Dumas figlio e al disegno di legge presentato da Zanardelli; nei saggi Fino a Dogali (1889) e La lotta politica in Italia (1892) ricapitolò invece le vicende italiane passate e prossime.

A partire dal 1894 la produzione narrativa ebbe un nuovo impulso; in questi anni nacquero le opere migliori, che caddero nel più assoluto silenzio del pubblico e della critica: Il nemico (1894), Gelosia (1894), La disfatta (1896), Vortice (1899), Olocausto (1902) e la raccolta di racconti Bicicletta (1902). L’ultima opera di Oriani è un imponente saggio di natura storico-filosofico-politica, La rivolta ideale (1908), in cui con toni nietzschiani si auspica l’avvento di un leader carismatico che possa risollevare i destini italiani.

L’Opera omnia (1923-33) fu curata postuma da Benito Mussolini che strumentalizzò soprattutto La rivolta ideale, facendo di Oriani un precursore del fascismo.

Oriani morì nel 1909 a Casola Valsenio, Ravenna.

Note biografiche a cura di Daniela Gangale.

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
Autore:
Alfredo Oriani
Ordinamento:
Oriani, Alfredo
Elenco:
O