Rapporto letto alla Freedom discussion group il 5 dicembre 1889

Dall’incipit del libro:

Il progresso del movimento operaio mi sembra disperatamente lento. Le idee che ci paiono così chiare, così evidenti e accettabili per sè stesse, urtano sovente in un tale ammasso di pregiudizii e di ignoranza per cui è permesso dubitare che le grandi masse le accettino coscienziosamente e seriamente, a meno che non le vedano produrre dei cambiamenti reali o prima di riceverne ripetute lezioni dei fatti. Ma quando pure la solidarietà economica dei lavoratori è dimostrata, non per la propaganda delle idee libertarie, ma per i vantaggi materiali diretti per quanto piccoli essi siano come nel caso delle trades unions e della cooperazione, il grosso della massa non arriva, propriamente parlando, a prenderne coscienza, ad onta di un secolo di propaganda e di agitazione. Il pessimismo di questo modo di vedere, sia o no giustificato, non può contestare la utilità di trovare, se è possibile, dei nuovi mezzi per fortificare la situazione dei lavoratori. Alcuni mezzi di azione, sia permanenti, sia transitori, sono stati discussi e messi in pratica durante questi ultimi anni: tali sono lo sciopero generale, lo sciopero militare, lo sciopero internazionale dei minatori, la marcia degli operai disoccupati o in isciopero sulla capitale, il sabotaggio, ecc.

Scarica gratis
ODTPDF

titolo:
La responsabilità e la solidarietà nella lotta operaia
sottotitolo:
Rapporto letto alla Freedom discussion group il 5 dicembre 1889
titolo per ordinamento:
responsabilità e la solidarietà nella lotta operaia (La)
autore:
opera di riferimento:
La responsabilità e la solidarietà nella lotta operaia : rapporto letto alla Freedom discussion group il 5 dicembre 1889 / Max Nettlau. - Barre : L'azione, 1913. – 21 p. ; 22 cm.
licenza:

data pubblicazione:
31 ottobre 2011
opera elenco:
R
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Paolo Oliva, paulinduliva@yahoo.it