Siroe2018-02-22T12:00:01+00:00

Dall’incipit del libro:

COS. Figli, io non son del regno
Men padre che di voi. Se a voi degg’io
Il mio tenero affetto, al regno io deggio
Un successore, in cui
Della real mia sede
Riconosca la Persia un degno erede.
Oggi un di voi sia scelto: e quello io voglio
Che meco il soglio ascenda,
E meco il freno a regolarne apprenda.
Felice me, se pria
Che m’aggravi le luci il sonno estremo,
Potrò veder sì glorioso il figlio,
Che, in pace o fra le squadre,
Giunga la gloria ad oscurar del padre.
MED. Tutta dal tuo volere
La mia sorte dipende.
SIR. E in qual di noi
Il più degno ritrovi?
COS. Eguale è il merto.
Amo in Siroe il valore,
La modestia in Medarse;
In te l’animo altero, (a Siroe)
La giovanile etade in lui mi spiace;
Ma i difetti d’entrambi il tempo e l’uso
A poco a poco emenderà. Frattanto
Temo che a nuovi sdegni
La mia scelta fra voi gli animi accenda
Ecco l’ara, ecco il nume:
Giuri ciascun di tollerarla in pace,
E giuri al nuovo erede
Serbar, senza lagnarsi, ossequio e fede.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
Siroe
titolo per ordinamento:
Siroe
autore:
opera di riferimento:
"Tutte le opere" di Pietro Metastasio a cura di B. Brunelli, volume I Mondadori Milano, 1954
cura:
B. Brunelli
licenza:

data pubblicazione:
2 gennaio 2003
opera elenco:
S
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Stefania Ronci, stefaniaronci@libero.it
revisione:
Vittorio Bertolini, vittoriobertolini@inwind.it
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK