Il sogno di Scipione

Il sogno di Scipione 2018-02-22T12:03:36+00:00

Realizzato in collaborazione con il Project Gutenberg (http://www.gutenberg.org/) tramite Distributed Proofreader Europe (http://dp.rastko.net).

Dall’incipit del libro:

FOR. Vieni e siegui i miei passi
O gran figlio d’Emilio.
COS. I passi miei
Vieni e siegui, o Scipion.
SCI. Chi è mai l’audace
Che turba il mio riposo?
FOR. Io son.
COS. Son io;
E sdegnar non ti dei.
FOR. Volgiti a me.
COS. Guardami in volto.
SCI. Oh Dei,
Quale abisso di luce!
Quale ignota armonia! Quali sembianze
Son queste mai sì luminose e liete!
E in qual parte mi trovo? E voi chi siete?
COS. Nutrice degli eroi.
FOR. Dispensatrice
Di tutto il ben che l’universo aduna.
COS. Scipio, io son la Costanza.
FOR. Io la Fortuna
SCI. E da me che si vuol?
COS. Ch’una fra noi
Nel cammin della vita
Tu per compagna elegga.
FOR. Entrambe offriamo
Di renderti felice.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

Opera:
Il sogno di Scipione
Opera ordinamento:
sogno di Scipione (Il)
Autore:
Fonte:
"Opere drammatiche e poetiche di Pietro Metastasio"; Volume 4, Tomo 11; Editore Giuseppe Pomba; Torino, 1829
Licenza:

Data:
22 marzo 2004
Opera elenco:
S
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Distributed proofreader Europe, http://dp.rastko.net/
Pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Alberto Barberi, collaborare@liberliber.it
Revisione:
Carlo Traverso, traverso@dm.unipi.it