Niccolò Machiavelli inviò questa lettera all’amico Francesco Vettori il 10 dicembre 1513, mentre si trovava nella propria villa di San Casciano, dove si era rifugiato dopo essere caduto in disgrazia negli ambienti politici fiorentini ed aver conosciuto il carcere e la tortura.

Essa ha assunto grande rilievo nella storia della letteratura poiché qui Machiavelli annuncia di avere scritto un’opera intitolata “De Principatibus”, cioè il trattato che è comunemente noto come “Il Principe”. Ma ciò che più conta, essa descrive le circostanze e lo stato d’animo in cui Machiavelli redasse quest’opera, e ci consegna un vivido ritratto della sua complessa personalità.

Il testo può essere sostanzialmente suddiviso in sei parti.

  • Anzitutto un prologo, in cui Machiavelli si rallegra di avere finalmente ricevuto una lettera da Francesco Vettori, ambasciatore fiorentino a Roma, dopo un lungo silenzio.
  • Nella seconda parte egli descrive, con molta autoironia, le sue giornate “in villa”, forzatamente dedicate ad occupazioni banali – il taglio della legna del suo bosco, la caccia, il gioco a carte nell’osteria del paese.
  • Nella terza parte il tono si eleva poiché egli descrive, con accenti ora appassionati ora solenni, il modo in cui trascorre le sue serate: quando, tornato a casa, spogliatosi “della veste cotidiana” e indossati “panni reali e curiali”, egli entra nel suo studio e si dedica alla lettura degli storici dell’antichità, cibandosi di “quel cibo che solum è mio”, cioè il sapere, la conoscenza.
  • Nella quarta parte egli informa che da queste letture ha tratto le nozioni utili per redigere “uno opuscolo De Principatibus”, che “a un principe, e massime a un principe nuovo”, dovrebbe essere gradito.
  • Nella quinta parte egli esprime i suoi dubbi quanto all’opportunità per lui di rientrare a Firenze, dove teme la situazione non gli sia ancora del tutto favorevole.
  • Nella sesta parte egli spiega cosa lo spinge a desiderare di rendere pubblico questo suo scritto: in parte la necessità economica, ma soprattutto l’ardente desiderio di rientrare nella vita politica, fosse anche solo per “voltolare un sasso”, e di mettere a disposizione del mondo le conoscenze acquisite attraverso l’esperienza e gli studi.

Note a cura di Laura Cusimano.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
Lettera a Francesco Vettori
titolo per ordinamento:
Lettera a Francesco Vettori
autore:
opera di riferimento:
29: Opere / Niccolo Machiavelli a cura di Mario Bonfantini; fa parte di: La letteratura italiana; R. Ricciardi Editore; Milano ; Napoli, stampa 1954
cura:
Mario Bonfantini
licenza:

data pubblicazione:
31 agosto 2003
opera elenco:
L
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Laura Cusimano
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
Maria Luisa De Rossi, collaborare@liberliber.it
revisione:
Giuseppe D'Emilio, g.demilio@libero.it