Novelle arabe

Dall’incipit del libro:

Le cronache de’ Sassaiani, antichi Re di Persia, riferiscono esservi stato un Re il quale era amato dai sudditi per la sua saviezza e temuto dai vicini per la fama del suo valore. Aveva due figli: il primogenito chiamavasi Schahriar, e l’altro aveva nome Schahzenan. Dopo un regno lungo e glorioso morì questo Re, e Schahriar salì sul trono. Schahzenan fu obbligato di vivere come un semplice privato; ben lontano di mirare con invidia la buona sorte del fratello maggiore, pose invece tutto il suo studio a piacergli. Schahriar fu contentissimo della sua compiacenza e, per dargliene una prova, volle dividere con lui i suoi Stati, cedendogli il regno della Tartaria, del quale Schahzenan andò subito a prender possesso, stabilendo il suo soggiorno in Samarcanda, che ne era la capitale. Erano scorsi due anni dacché questi Principi vivevano separati, quando Schahriar bramando sommamente rivedere suo fratello, risolvette spedirgli un ambasciatore per invitarlo a venirlo a trovare. 6 A questo fine deputò il suo primo Visir, il quale partì con un seguito conveniente alla sua dignità. Giunto il Visir a Samarcanda, il Re di Tartaria lo accolse con grandi dimostrazioni di allegrezza, e gli domandò subito notizie del Sultano suo fratello. Il visir appagò la sua curiosità, e poscia gli espose la cagione della sua ambasciata.

Scarica gratis
ODTPDFTXT + ZIPvai a Yeeridavai all'audiolibro

titolo:
Le mille e una notte
sottotitolo:
Novelle arabe
titolo per ordinamento:
mille e una notte (Le)
autore:
Mille e una notte
opera di riferimento:
Le mille e una notte : novelle arabe. - Milano : Bietti, [1934]. - 541 p. : ill. ; 19 cm.
licenza:

data pubblicazione:
18 ottobre 2010
opera elenco:
M
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Vittorio Volpi ; vitto.volpi@alice.it
pubblicazione:
Vittorio Volpi; vitto.volpi@alice.it
revisione:
Luca Coletti; artematico@yahoo.it
traduzione:
Antoine Galland