Dall’incipit del libro:

Il sapere, cioè l’essere dotto, e l’ignoranza, cioè il non sapere di lettera, costituiscono due diverse repubbliche, spezialmente in Europa, e queste di fortuna ben diverse. Cioè la prima creduta felice e gloriosa, e l’altra ignobile ed infelice. L’ignorante per lo più stima, e talvolta anche ammira i dotti; e all’incontro proprio è de i dotti il mirar con compassione, e talvolta con disprezzo la condizion degl’ignoranti. Né può già mettersi in dubbio, che dall’ignoranza scaturiscano molti mali, e dal sapere assaissimi beni. Contuttociò due curiose lezioni accademiche si potrebbono formare, nell’una per mostrare, quanti beni accompagnino l’ignoranza; e nell’altra per accennare, quanti mali provengano dallo stesso sapere. E giacché alcuni dotti deridono la goffaggine di tante persone, potrebbono vicendevolmente anche gl’ignoranti ridere dietro a i dottori, se arrivassero a conoscere, quanta sia la moltitudine delle cose che queste arche di scienza non possono sapere, e quanta l’altra delle cose, che molti scienziati ed eruditi credono di sapere, e pur non sanno. Però chiunque è saggio, applicandosi allo studio delle lettere, non solamente mai non insuperbisce, non isprezza chi non sa; ma impara anzi ad umiliarsi, perché viene a chiarir la limitazione del proprio intelletto, e l’insufficienza sua ad iscoprire l’essenza, le cagioni, i moti, e le modificazioni di tante cose, dalle quali per altro è certa ed indubitata l’esistenza.

Scarica gratis
ODTPDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
Della forza della fantasia umana
titolo per ordinamento:
Della forza della fantasia umana
autore:
opera di riferimento:
Della forza della fantasia umana trattato di Lodovico Antonio Muratori. - In Venezia : presso Giambatista Pasquali, 1745. – XVI, 256 p. ; 8o.
licenza:

data pubblicazione:
25 gennaio 2010
opera elenco:
D
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it