Il Cinque Maggio

Il Cinque Maggio 2017-06-15T18:28:24+00:00

Una delle due più famose odi civili di Manzoni, insieme a “Marzo 1821”, fu composta nel 1821 e dedicata a Napoleone. Tradotta in tedesco dal Goethe.

Dall’incipit del libro:

Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio sta,
muta pensando all’ultima
ora dell’uom fatale;
né sa quando una simile
orma di pie’ mortale
la sua cruenta polvere
a calpestar verrà.
Lui folgorante in solio
vide il mio genio e tacque;
quando, con vece assidua,
cadde, risorse e giacque,
di mille voci al sònito
mista la sua non ha:
vergin di servo encomio
e di codardo oltraggio,
sorge or commosso al sùbito
sparir di tanto raggio;
e scioglie all’urna un cantico
che forse non morrà.
Dall’Alpi alle Piramidi,
dal Manzanarre al Reno,
di quel securo il fulmine
tenea dietro al baleno;
scoppiò da Scilla al Tanai,
dall’uno all’altro mar.

Scarica gratis
HTMLHTML + ZIPPDFRTF + ZIPTXT + ZIPePub Yeerida

Opera:
Il Cinque Maggio
Opera ordinamento:
Cinque Maggio (Il)
Autore:
Fonte:
"Il Cinque Maggio" di Alessandro Manzoni.
Licenza:

Data:
18 gennaio 1994
Opera elenco:
C
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Alessandro Guzzeloni
Revisione:
Alessandro Guzzeloni