Revolverate e Nuove revolverate

////Revolverate e Nuove revolverate
Revolverate e Nuove revolverate2016-10-14T03:21:26+00:00

Prefazione futurista di F. T. Marinetti.

Dall’incipit del libro:

Nelle colonne del Figaro io riassunsi, con laconiche e violente affermazioni tutto quello che il Futurismo significa, tutte le aspirazioni demolitrici della parte piú giovane e migliore della nostra generazione, stanca di adorare il passato, nauseata dal pedantismo accademico, avida di originalità temeraria e anelante verso una vita avventurosa, energica e quotidianamente eroica.
Subito scoppiarono innumerevoli polemiche; avemmo difensori entusiasti e detrattori idrofobi, e ne fummo soddisfatti perché noi amiamo la lotta ancor piú della Verità.
«Al manicomio!… Pazzi!… Incendiarii!…» si gridò da ogni parte, in Italia.
Meno facili a sgomentarsi, meno vili e piú sottilmente ragionatori, gli americani parteciparono alla discussione mondiale plaudendo risolutamente al Futurismo, e, pur lamentando come una loro debolezza la mancanza di una tradizione classica e gloriosa, essi lodarono quei figli della vecchia Europa i quali manifestavano alfine il bisogno di far tabula rasa d’un passato troppo venerato e troppo imitato. A Parigi, intanto, il Futurismo veniva riconosciuto come il piú logico programma intellettuale di una gioventú virilmente educata nell’amore degli sports violenti. Ai manifesti e alle polemiche, succedono, ecco, i fatti: le opere dei Poeti.

Scarica gratis
ODTPDF

titolo:
Revolverate e Nuove revolverate
titolo per ordinamento:
Revolverate e Nuove revolverate
autore:
opera di riferimento:
Revolverate e Nuove revolverate / Gian Pietro Lucini ; a cura di Edoardo Sanguineti. - Torino : G. Einaudi, 1975. - XVIII, 671 p. ; 18 cm. - (Nuova universale Einaudi ; 157).
cura:
Edoardo Sanguineti
licenza:

data pubblicazione:
22 luglio 2015
opera elenco:
R
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK