L’infinito

L’infinito2017-06-28T10:49:43+00:00

Fra i primi idilli composti fra il 1819 e il 1821, (“La sera del dì di festa”, “Alla luna”, “Il sogno”, “La vita solitaria”) in cui gli oggetti e i paesaggi assumono una amplissima risonanza sentimentale, dove dominano i toni dell’evocazione e della memoria e il dolore per il cadere di dolci speranze e per l’inesorabile trascorrere del tempo si sublima nella composta contemplazione di una natura onnicomprensiva. Oltre al testo della poesia l’archivio contiene una immagine digitalizzata (in formato GIF) del secondo manoscritto autografo.

Dall’incipit del libro:

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
De l’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminato
Spazio di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e ‘l suon di lei. Così tra questa
Infinità s’annega il pensier mio:
E ‘l naufragar m’è dolce in questo mare.

Scarica gratis
HTMLHTML + ZIPPDFRTF + ZIPTXT + ZIP

Opera:
L'infinito
Opera ordinamento:
infinito (L')
Autore:
Fonte:
"Letteratura italiana: testi e critica con lineamenti di storia letteraria" vol. 3 di Mario Pazzaglia Ed. Zanichelli Prima edizione, marzo 1979
Licenza:

Data:
30 aprile 1997
Opera elenco:
I
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Angelo Scozzarella, a.scozzarella@venere.inet.it
Revisione:
Angelo Scozzarella, a.scozzarella@venere.inet.it
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK