La guerra dei topi e delle rane. Poema (1815)

////La guerra dei topi e delle rane. Poema (1815)
La guerra dei topi e delle rane. Poema (1815)2017-06-28T10:28:04+00:00

Tratto dall’edizione del 1815.

Dall’incipit del libro:

Grande impresa disegno, arduo lavoro:
O Muse, voi dall’Eliconie cime
A me scendete, il vostro aiuto imploro:
Datemi vago stil, carme sublime:
Antica lite io canto, opre lontane,
La Battaglia dei topi e delle rane.

Sulle ginocchia ho le mie carte, or fate
Che nota a ogni mortal sia l’opra mia,
Che alla più lenta, alla più tarda etate
Salva pur giunga, e che di quanto fia
Che sulle carte a voi sacrate io scriva,
La fama sempre e la memoria viva.

I nati già dal suol vasti giganti,
Di que’ topi imitò la razza audace,
Da nobil fuoco accesi, ira spiranti
Vennero al campo, e se non è mendace
Il grido che tuttor va per la terra,
Questa l’origin fu di quella guerra.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

Opera:
La guerra dei topi e delle rane. Poema (1815)
Opera ordinamento:
guerra dei topi e delle rane (La). Poema (1815)
Autore:
Fonte:
Giacomo Leopardi, "Tutte le opere" a cura di Walter Binni, con la collaborazione di Enrico Ghidetti Volume primo Sansoni editore 1989 sesta edizione (prima edizione 1969)
Cura:
Walter Binni
Licenza:

Data:
27 ottobre 1999
Opera elenco:
G
Fonte ISBN:
88-383-0875-6
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Vittorio Volpi, volpi@galactica.it
Pubblicazione:
Alberto Barberi
Revisione:
Catia Righi, catia.righi@risorsei.it
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK