Guerra dei topi e delle rane (1826)

////Guerra dei topi e delle rane (1826)
Guerra dei topi e delle rane (1826) 2017-06-27T18:08:46+00:00

Tratto dall’edizione del 1826.

Dall’incipit del libro:

Sul cominciar del mio novello canto,
Voi che tenete l’eliconie cime
Prego, vergini Dee, concilio santo,
Che ‘l mio stil conduciate e le mie rime:
Di topi e rane i casi acerbi e l’ire,
Segno insolito a i carmi, io prendo a dire.

La cetra ho in man, le carte in grembo: or date
Voi principio e voi fine a l’opra mia:
Per virtù vostra a la più tarda etate
Suoni, o Dive, il mio carme; e quanto fia
Che in questi fogli a voi sacrati io scriva,
In chiara fama eternamente viva.

I terrigeni eroi, vasti Giganti,
Di que’ topi imitò la schiatta audace:
Di dolor, di furor caldi, spumanti
Vennero in campo: e se non è fallace
La memoria e ‘l romor ch’oggi ne resta,
La cagion de la collera fu questa.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

Opera:
Guerra dei topi e delle rane (1826)
Opera ordinamento:
Guerra dei topi e delle rane (1826)
Autore:
Fonte:
Giacomo Leopardi, "Tutte le opere" a cura di Walter Binni, con la collaborazione di Enrico Ghidetti Volume primo Sansoni editore 1989 sesta edizione (prima edizione 1969)
Cura:
Walter Binni
Licenza:

Data:
27 ottobre 1999
Opera elenco:
G
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Vittorio Volpi, volpi@galactica.it
Pubblicazione:
Alberto Barberi
Revisione:
Catia Righi, catia.righi@risorsei.it