La conquista del pane

La conquista del pane2017-07-04T14:26:28+00:00

Traduzione italiana di Giuseppe Ciancabilla.

Dall’incipit del libro:

L’umanità ha assai progredito da quelle remote età in cui l’uomo, tagliando nella selce rozzi strumenti, viveva degl’incerti prodotti della caccia e non lasciava in eredità a’ suoi figliuoli che un ricovero sotto le roccie e dei poveri utensili di pietra, nonchè la Natura immensa, incompresa, terribile, colla quale essi dovevano entrare in lotta per mantenere la loro meschina esistenza.
In questo lungo periodo di agitazione, che ha durato per migliaia e migliaia d’anni, il genere umano ha nondimeno accumulato inauditi tesori. Ha dissodato il suolo, prosciugato le paludi, è penetrato nelle foreste, ha tracciato strade; ha costrutto, inventato, osservato, ragionato; ha creato degli strumenti complicati, ha strappato alla natura i suoi segreti, ha domato il vapore; tanto che, oggi, al suo nascere, il figlio dell’uomo civilizzato trova a sua disposizione un capitale che gli permette di ottenere, con niente altro che il suo lavoro combinato col lavoro altrui, delle ricchezze sorpassanti i sogni degli Orientali nelle loro novelle delle Mille e una Notte.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
La conquista del pane
titolo per ordinamento:
conquista del pane (La)
autore:
opera di riferimento:
"La conquista del pane", di Pietro Kropotkine; Prefazione di Eliseo Reclus; Traduzione italiana di Giuseppe Ciancabilla; Collezione del pensiero classico dell'anarchismo; Libreria internazionale d'avanguardia; Bologna, 1948
licenza:

data pubblicazione:
6 maggio 2007
opera elenco:
C
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Paolo Oliva, paulinduliva@yahoo.it
traduzione:
Giuseppe Ciancabilla
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK