Prima edizione di questo testo: Tipografia Bizzoni, Pavia, 1904

Dall’incipit del libro:

Quella legge di evoluzione, che si manifesta nell’intero universo visibile, nel sistema solare come un tutto, nella Terra come parte di questo, nella vita in generale, e nella vita di ciascun organismo individuale, nei fenomeni mentali degli esseri animati fino al piú elevato; quella stessa legge si manifesta nei fenomeni della vita umana e sociale e quindi anche in quei fenomeni della condotta, dei quali tratta la morale. In conformità di questa legge e delle leggi via via subordinate in cui essa si rifrange, si produce una elevazione progressiva nelle forme della vita sub-umana ed umana, la quale si traduce in un adattamento sempre migliore, piú esteso e piú durevole alle condizioni da cui dipende l’esistenza dell’individuo, e l’esistenza della specie; e, dove la vita sociale apparisca, l’esistenza della società. Per l’uomo adunque l’adattamento riguarda tre ordini di condizioni; ossia è di tre forme; e, benché si possa astrattamente considerare ciascuna forma per sé, tuttavia, per la connessione naturale e necessaria dei fattori dai quali dipendono, le tre forme d’adattamento nella realtà procedono di conserva con mutue azioni e reazioni continue; cosicché a ogni progresso in una forma di adattamento corrisponde un progresso nelle altre forme.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
La dottrina delle due etiche di H. Spencer e la morale come scienza
titolo per ordinamento:
dottrina delle due etiche di H. Spencer e la morale come scienza (La)
autore:
opera di riferimento:
"I Limiti del razionalismo etico", di Erminio Juvalta; Biblioteca di cultura filosofica, Vol. I; a cura di Ludovico Geymonat; Giulio Einaudi Editore; Torino, 1945
cura:
Ludovico Geymonat
licenza:

data pubblicazione:
18 marzo 2007
opera elenco:
D
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Biblioteca Italiana, http://www.bibliotecaitaliana.it/
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
revisione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it