Monsieur Petiton

Monsieur Petiton 2017-07-27T11:28:16+00:00

Il testo è stato preparato in collaborazione con Giuseppe Bonghi, responsabile del sito “Biblioteca dei Classici Italiani” (http://www.classicitaliani.it/), e con Dario Zanotti, responsabile del sito “Libretti d’opera italiani” (http://www.librettidopera.it/).

Dall’incipit del libro:

PETIT.
Madam, monsieur, je prego,
Perdonate a muè man presontion.
GRAZ.
Lei è sempre padron. Sol mi dispiace
Che m’ha trovata in abito indecente.
PETIT.
Sansfacon, sansfacon, in tutte mode
Voi certo state buono.
PETR.
Aah, crep dalla sonn:
Sto monsù maladett
M’ha fatt innanzi dì levar dal lett.
GRAZ.
Lustrissimo monsiù, che la s’accomodi.
Su via, signor Petronio,
Portategli una sedia.
PETR.
Eh, non è tempo
De tante cerimonie.
Sto signor ha da far i so interessi,
E nol vol la mattina
Perder con vu, signora simunzina.
PETIT.
Che dice ce monsieur?

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIPePub Yeerida

Opera:
Monsieur Petiton
Opera ordinamento:
Monsieur Petiton
Autore:
Fonte:
"Tutte le opere" di Carlo Goldoni; a cura di Giuseppe Ortolani; volume 10, seconda edizione; collezione: I classici Mondadori; A. Mondadori editore; Milano, 1955
Cura:
Giuseppe Ortolani
Licenza:
Creative Commons "Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale", http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

Data:
19 febbraio 2005
Opera elenco:
M
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Giuseppe Bonghi, bonghi18@classicitaliani.it
Dario Zanotti, dzanotti@tiscali.it
Pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Alberto Barberi, collaborare@liberliber.it
Revisione:
Giuseppe Bonghi, bonghi18@classicitaliani.it
Dario Zanotti, dzanotti@tiscali.it
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it