L’Amante Cabala

////L’Amante Cabala
L’Amante Cabala2017-07-19T16:30:50+00:00

Il testo è stato preparato in collaborazione con Giuseppe Bonghi, responsabile del sito “Biblioteca dei Classici Italiani” (http://www.classicitaliani.it/), e con Dario Zanotti, responsabile del sito “Libretti d’opera italiani” (http://www.librettidopera.it/).

Dall’incipit del libro:

LILLA
Resti, resti, e non s’incomodi.
FILIB.
Vuò venir; questo è il mio debito.
LILLA
Nol permetto, in verità.
FILIB.
Se comanda, io resto qua.
Ma fra di noi, che siam promessi sposi,
Son superflue cotante cerimonie;
Conviene il galateo
Al marito non già, ma al cicisbeo.
LILLA
Io fui accostumata
In diversa maniera
Dal fu signor Anselmo mio consorte.
Ahi memoria fatale! ahi cruda morte!
Egli volea che seco
Trattassi in complimento; e allora quando
La maggior confidenza era dovuta,
Mi voleva civile e sostenuta.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIPvai a Yeerida

titolo:
L'Amante Cabala
titolo per ordinamento:
Amante Cabala (L')
autore:
opera di riferimento:
"Tutte le opere" di Carlo Goldoni; a cura di Giuseppe Ortolani; volume 10, seconda edizione; collezione: I classici Mondadori; A. Mondadori editore; Milano, 1955
cura:
Giuseppe Ortolani
licenza:

data pubblicazione:
19 febbraio 2005
opera elenco:
A
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Giuseppe Bonghi, bonghi18@classicitaliani.it
Dario Zanotti, dzanotti@tiscali.it
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Alberto Barberi, collaborare@liberliber.it
revisione:
Dario Zanotti, dzanotti@tiscali.it
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK