La donna stravagante

////La donna stravagante
La donna stravagante 2017-07-25T15:27:44+00:00

Dall’incipit del libro:

RIC. Ehi!
CEC. Signore.
RIC. Dal cielo sparita è ancor l’aurora?
CEC. No, mio signore, il sole non è ben sorto ancora.
RIC. Che hai, che sonnacchioso mi sembri oltre il costume?
T’avvezzai da bambino a sorgere col lume;
Ora che coll’etade in te la ragion cresce,
Lasciar le oziose piume sollecito t’incresce?
Figlio, che con tal nome, quantunque servo, io chiamo
Te giovane discreto, che hommi educato ed amo,
Questa sollecitudine, che coll’esempio insegno,
Rende più pronti gli uomini all’opre dell’ingegno;
E se cangiare aspiri in meglio un dì la sorte,
Odia il soverchio sonno, ch’è fratel della morte.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIPePub Yeerida

Opera:
La donna stravagante
Opera ordinamento:
donna stravagante (La)
Autore:
Fonte:
"Tutte le opere" di Carlo Goldoni; a cura di Giuseppe Ortolani; volume 6, seconda edizione; collezione: I classici Mondadori; A. Mondadori editore; Milano, 1955
Cura:
Giuseppe Ortolani
Licenza:
Creative Commons "Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale", http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

Opera elenco:
D
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Alberto Barberi, collaborare@liberliber.it
Revisione:
Vittorio Bertolini, vittoriobertolini@inwind.it