Ugo Foscolo

///Ugo Foscolo
Ugo Foscolo 2016-10-14T03:24:32+00:00

Ugo FoscoloMaggiore di quattro figli, Ugo Foscolo nacque a Zante, una delle isole jonie dipendenti dalla Repubblica veneta, il 6 febbraio 1778. Successivamente alla morte del padre, che esercitava la professione di medico sull’isola, nel 1792 si trasferì presso la madre a Venezia, dopo aver compiuto i primi studi a Spalato.

Dopo l’amore (secondo alcuni studiosi non corrisposto) con Isabella Teotochi Albrizzi, nel cui salotto si riunivano alcuni tra gli intellettuali più importanti del tempo, proseguì gli studi a Padova, dove iniziò a comporre sonetti di scarso valore e successo. Nel 1797 Foscolo scrisse la sua prima tragedia, "Tieste" che, dopo ben nove rappresentazioni consecutive a clamor di pubblico, lo consacrò autore di successo.

Contemporaneamente, cominciò il suo percorso politico all’insegna del giacobinismo, proprio nel momento in cui Napoleone cominciava ad esportare in Europa le idee della rivoluzione francese. Sempre nel ’97, in onore al popolo di Reggio Emilia che per primo aveva accettato le idee rivoluzionarie, scrisse l’ode "A Bonaparte liberatore" che gli procurerà i primi fastidi politici, fino a dover fuggire a Milano all’indomani del trattato di Campoformio. Da qull’evento nacque la diffidenza, che lo accompagnerà poi per tutta la vita, verso la politica di Bonaparte.

Quando, abolito il governo della Serenissima, si fondò in Venezia una municipalità provvisoria, il Foscolo credette suo dovere ritornare nella sua patria di elezione, ricoprendo incarichi di governo, ma trovandosi spesso a protestare contro gli "ipocriti della libertà" tra cui mise lo stesso Alfieri.

Ceduta Venezia all’Austria, Foscolo raggiunse Milano, dove divenne redattore del "Monitore italiano" e strinse amicizia con Vincenzo Monti, che già aveva conosciuto a Bologna. L’attività letteraria del tempo fu sempre in aperta polemica con la classe politica dominante, basti pensare al sonetto contro la soppressione nelle scuole della lingua latina, proposta dal gran Consiglio Cisalpino nel 1798.

Nell’aprile di quell’anno il "Monitore" fu soppresso e Foscolo fu perseguitato dalla polizia anche per aver fondato immediatamente l’"Italico", che il governo lasciò vivere soltanto pochi mesi. Il bisogno economico portò nuovamente Foscolo a Bologna, con un misero impiego, dove affidò all’editore Marsigli una prima versione de "Le ultime lettere di Jacopo Ortis", poi completata dall’editore stesso – che ricorse al mediocre redattore Angelo Sassoli – per affrettarne l’uscita.

Furono quelli gli anni di una intensa maturazione personale e letteraria del Foscolo: del 1800 è l’ode "A Luigia Pallavicini caduta da cavallo", del 1802 l’ode "All’amica risanata" e le "Poesie" (che comprendono le due odi più dodici sonetti, tra cui i famosissimi "Alla sera", "A Zacinto", "In morte del fratello Giovanni"). All’attività letteraria affiancò l’impegno di combattente: al seguito del generale Macdonald fu alla Trebbia; nel giugno del 1799, con le milizie cisalpine e francesi, fu a Firenze, dove conobbe il Niccolini; poi fu a Genova, Nizza e di nuovo a Milano. In questi anni continuò a dedicarsi all’Ortis, un libro-chiave, specchio di un’intera generazione, e che fu più volte stampato e modificato nel corso degli anni.

Dal 1804 al 1806, Foscolo fu in Francia al seguito dell’armata che stava progettando l’invasione dell’Inghilterra; in quel periodo iniziò a tradurre "Il viaggio sentimentale" di Sterne. Nel 1807 videro la luce i "Sepolcri"; nell’anno successivo Foscolo ottenne la cattedra di eloquenza all’università di Pavia, ma la cattedra fu presto soppressa per motivi politici. Nel 1809 rappresentò l’"Aiace" alla Scala, tragedia che dalle autorità fu ritenuta antinapoleonica.

Al Foscolo non restò che ricominciare la sua carriera di perseguitato politico nell’impero Napoleonico che aveva tradito i suoi ideali. Nel periodo seguente scrisse il suo ultimo capolavoro ("Le Grazie", 1812), e seguì le alterne vicende dell’impero fino a Waterloo. Quando l’Austria, ottenuto il Lombardo-Veneto, chiese agli ex ufficiali napoleonici il giuramento di fedeltà, Foscolo si rifiutò di prestarlo e abbandonò per sempre l’Italia, rifugiandosi prima in Svizzera e poi in Inghilterra.

Cominciò così il periodo più difficile della sua vita, nel corso del quale riscrisse "Le ultime lettere di Jacopo Ortis" e vari saggi di letteratura italiana per riviste inglesi, unico modo, insieme ad alcune lezioni private di Italiano, per contrastare le avversità economiche che gli costarono persino l’arresto per debiti, nel 1824. La morte lo colse nel 1827, nei pressi di Londra, a Turnham Green.

Bibliografia:
Enciclopedia Garzanti della Letteratura Italiana;
Eugenio Donadoni, L’opera di Ugo Foscolo,
Prefatio, Ultime lettere di Jacopo Ortis, classici Bompiani.

Note biografiche a cura di Maria Agostinelli, Giuseppe D’Emilio e Carmela D’Orazio.

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
Autore:
Ugo Foscolo
Ordinamento:
Foscolo, Ugo
Elenco:
F