Influenze borghesi sull’anarchismo

////Influenze borghesi sull’anarchismo
Influenze borghesi sull’anarchismo2017-10-12T12:42:31+00:00

Dall’incipit del libro:

Per non dar luogo a equivoci, intendiamoci prima sulle parole. Una teoria di anarchismo violento non c’è; l’anarchia è un complesso di dottrine sociali che hanno per comune fondamento l’eliminazione dell’autorità coattiva dell’individuo sull’individuo, e i suoi seguaci si annoverano in maggioranza fra persone che ripudiano ogni forma di violenza o non l’accettano che come mezzo di legittima difesa. Però poiché non c’è una linea di separazione fra la difesa e l’offesa, e il concetto stesso di difesa può essere inteso nei modi più diversi, ogni tanto avvengono atti di violenza commessi da anarchici, in una forma di ribellione individuale, che attenta alla vita dei capi di Stato o dei rappresentanti più tipici della classe dominante. Queste manifestazioni di ribellione individuale le raggruppiamo sotto il nome di anarchismo violento, più per modo d’intenderci che perché il nome rispecchi esattamente la cosa.

Scarica gratis
ODTPDFTXT + ZIP

titolo:
Influenze borghesi sull'anarchismo
titolo per ordinamento:
Influenze borghesi sull'anarchismo
autore:
opera di riferimento:
Influenze borghesi sull'anarchismo : saggi sulla violenza / Luigi Fabbri ; introduzione di Gaetano Manfredonia ; postfazione di Jules Elysard. - Milano : Zero in condotta, 1998. – XXI, 101 p. ; 20 cm
licenza:

data pubblicazione:
15 settembre 2010
opera elenco:
I
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK