Margherita di Navarra (1492-1549), sorella del re di Francia Francesco I, figura nobile e complessa, è qui presentata nella sua attività di scrittrice ed in particolare nei suoi rapporti con Dante, cui dedicò un culto superiore a quello riserbatogli dal suo secolo. In gioventù, mostrò di conoscerlo ma di sentirselo estraneo. Ma poi la morte dell’adorato fratello Francesco sconvolse la sua vita, ed il profondo dolore le rese caro il poeta che sapeva lenire col canto i patimenti degli animi afflitti. Dante diventa la guida del suo spirito, e Margherita lo sente tanto vicino da comporre terzine che ritraggono il vigoroso spirito di Dante. Più spesso i suoi versi sono stiracchiati, sbiaditi, ma permane “la gravità del pensiero, il calore della passione, la viva personificazione dell’astratto” di cui Dante le era stato maestro.

Sinossi a cura di Catia Righi

Dall’incipit del libro:

Da tutte le correnti che nel trentenne regno di Francesco I, or rapide or lente, irrigarono la civiltà di Francia: dal Rinascimento italiano che rinnovò il culto del bello, lo studio dell’arte e del sapere antico e rese più facile e lieta e pagana la vita che piegava affranta sotto il triste e lugubre peso della civiltà medievale, da quell’epicureismo che l’arte avvinta alla bellezza corporea porta con sè inevitabilmente e che il sollazzevole Boccaccio, novellatore insuperabile, faceva serpeggiare qua e là anche nel fondo degli spiriti austeri, dalle tradizioni patrie nel campo dell’allegoria e dell’oratoria sacra e profana, dal platonismo, dal mistico panteismo, dalla riforma infine, dalla riforma particolarmente che agitò la Francia nelle sue radici profonde rileva la figlia di Luisa di Savoia, Margherita di Navarra, il fior vero delle regine del tempo, figura complessa, bella, nobile e spiccata figura, ben degna di rappresentare in Francia il culto maggiore che al massimo poeta abbia dedicato un secolo tutto rivolto all’imitazione dell’arte e della poesia italiana. A Margherita scriveva, nel febbraio del 1540, Vittoria Colonna, la sua “bona cugina, sorella et amica:” “havendo noi bisogno in questa lunga e difficile via della virtù e guida che ne mostri il camino colla dottrina… in una sola fuor d’Italia s’intendeva esser congioncte le perfettioni della volontà insieme con quelle del intelletto.”

Scarica gratis
ODTPDF

titolo:
Dante e Margherita di Navarra
titolo per ordinamento:
Dante e Margherita di Navarra
descrizione breve:
Margherita di Navarra (1492-1549), sorella del re di Francia Francesco I, figura nobile e complessa, è qui presentata nella sua attività di scrittrice ed in particolare nei suoi rapporti con Dante, cui dedicò un culto superiore a quello riserbatogli dal suo secolo.
autore:
opera di riferimento:
Dante e Margherita di Navarra / A. Farinelli. - Roma : Tipografia dell'Unione Cooperativa Editrice, 1902. - 24 p. ; 25 cm. Estratto da: Rivista d'Italia (febbraio 1902).
licenza:

data pubblicazione:
6 novembre 2019
opera elenco:
D
soggetto BISAC:
CRITICA LETTERARIA / Generale
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Oliva, paulinduliva@yahoo.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it