Romanzo

Luigi di San Giusto è lo pseudonimo della scrittrice e giornalista triestina Luisa Macina Gervasio (1872-1936)

Dall’incipit del libro:

Era la prima veglia dell’anno, e, naturalmente si teneva nella stalla di pare Gioanni. Ma era una veglia speciale, una veglia festiva, perchè, la sera dei Morti, sarebbe stato un sacrilegio lavorare. Già mare Viginia aveva recitato il rosario, al quale, tutti, uomini e donne, avevano risposto, anche quelli che, o per avere fatto il soldato, o per leggere di tanto in tanto la Gazzetta del Circondario, ostentavano idee liberali; ma coi morti non si scherza…
Intanto Daniela, la figliuola di pare Gioanni, aiutata dal suo fratellino Geppino e dalla serva Rita, portavano dalla cucina tre enormi piatti di castagne, per tutti i gusti, arrostite, ballotte e mondine; e li deponevano sopra un asse, che, per la circostanza era stato elevato su dei cavalletti, e doveva servire da mensa.
Pare Gioanni e Gerolamo detto Trumlin, il suo servitore, collocarono sullo stesso asse tre grossi boccali di vino e parecchi bicchieri, e così cominciò per quei montanari la parte più piacevole della veglia.

Scarica gratis
ODTPDF

titolo:
Daniela
sottotitolo:
Romanzo
titolo per ordinamento:
Daniela
autore:
opera di riferimento:
Daniela : romanzo / Luigi di S. Giusto - Bologna-Rocca S. Casciano : L. Cappelli, 1921 - 206 p. ; 19 cm
licenza:

data pubblicazione:
12 ottobre 2008
opera elenco:
D
descrittore Dewey:
Narrativa italiana (sec. 20.)
soggetto BISAC:
FICTION / Romantico / Generale
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
revisione:
Paolo Oliva, paulinduliva@yahoo.it