Il testo è presente in formato immagine sul sito “Scrittori d’Italia Laterza“. Realizzato in collaborazione con il Project Gutenberg (http://www.gutenberg.org/) tramite Distributed proofreaders Europe (http://www.pgdp.net/).

Dall’incipit del libro:

Giacoco, Giacomino, Cappio.

Giacoco. Tate, petate e castagne infornate. Zitto, che ti venga la pipetola; m’hai dato tante vernecalonne e vernecocche che m’hai fatto venire le petecchie. Lassamo sti conti dell’uorco, Iacoviello mio, figlio buono come lo buono iuorno, e ascota ca te boglio dicere: io me ne vao a Posilipo, ca Smorfia lo parzonaro m’ha ditto ca vole vendegnare; e se non ci vao e sto con tanti d’uocchi apierti, dell’uva non me ne fa toccare n’aceno.
Giacomino. Andate in buon’ora, Giacoco, mio caro padre, attendete alla vostra salute da cui dipende tutta la nostra; ma quando sarete di ritorno?
Giacoco. Crai, poscrai, poscrigni o piscrotte allo chiú chiú, ca la vendegna ce la faccio brocioleare.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
La tabernaria
titolo per ordinamento:
tabernaria (La)
autore:
opera di riferimento:
Le commedie / Giambattista Della Porta ; a cura di Vincenzo Spampanato - Bari : G. Laterza, 1910 - 391 p. ; 22 cm
cura:
Vincenzo Spampanato
licenza:

data pubblicazione:
28 ottobre 2008
opera elenco:
T
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Distributed proofreaders, http://www.pgdp.net/
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
revisione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it