L’uomo e le scimie. Lezione pubblica detta in Torino la sera dell’11 gennaio 1864. Estratto dal Politecnico vol. XXI, G. Daelli e Comp. Editori Milano 1864.

Dall’incipit del libro:

La infinitamente bella e grande varietà di forme di piante e di animali che popolano ora la superficie della terra, non è apparsa tutta insieme d’un sol getto, ma è stata preceduta da una successione di altre forme diverse, di altri mondi di viventi, che hanno lasciate, a documento della loro passata esistenza, spoglie più o meno complete negli strati della corteccia terrestre.
Serviamoci pure di una locuzione assai usata; parliamo pure ancora di epoche della natura. Quando, con quella potenza che solo è data alla mente umana, si facciano rivivere le generazioni passate, e si contemplino nel loro ordine cronologico, si è colpiti da questi due fatti: che ogni grande epoca della storia fisica del nostro globo è distinta da un complesso di forme organiche sue proprie; che grandissima è la differenza fra le piante e gli animali delle prime epoche della creazione, in confronto delle forme ora esistenti; ma che, procedendo regolarmente da quelle più lontane epoche, siffatte differenze andarono mano mano scemando verso l’epoca attuale che ha per suo proprio distintivo la presenza dell’uomo.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
L'uomo e le scimie
titolo per ordinamento:
uomo e le scimie (L')
autore:
opera di riferimento:
"Il darwinismo in Italia / Testi di Filippo de Filippi, Michele Lessona, Paolo Mantegazza. Giovanni Canestrini"; a cura di Giacomo Giacobini e Gian Luigi Panattoni; collezione Strenna UTET; Unione Tipografico-Editrice Torinese, Torino, 1983
cura:
Giacomo Giacobini e Gian Luigi Panattoni
licenza:

data pubblicazione:
14 novembre 2006
opera elenco:
U
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
Alberto Barberi, collaborare@e-text.it
revisione:
Mariasilva, mariber@incleuro.net