Lettera a una pietra

Lettera a una pietra 2017-12-11T11:06:48+00:00

Si ringraziano l’Autrice e la Casa Editrice Edizioni Confronto (Fondi) per aver concesso l’autorizzazione alla pubblicazione.

Dall’incipit del libro:

Ti lascio nel fieno infinito della valle
tra i fiumi che l’asfalto esala della pioggia
recente, in questo giorno ch’è festivo
e negli sciami d’azzurra gioventù
fissa lo sgarbo sottile degli amanti.
Ti lascio i nidi pigolanti, la stagione
che muta e non pare afflitta
da ciò che muore e nuova vita appronta.
Me ne vado, col mio fardello smisurato,
che decresce e stupisce nel farsi leggero,
mentre lieve diventi, per essere in me
in un luogo che non è memoria
ma viva essenza e penitenza viva.
Mi conduci e ti porto in chiusa danza.
Ed è la vita un improvviso andare
di farfalle verso metamorfosi infinite.
Noi leggere per obliquo vento
col solo peso ignaro di parole.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

Opera:
Lettera a una pietra
Opera ordinamento:
Lettera a una pietra
Autore:
Fonte:
Lettera a una pietra di Maria Benedetta Cerro Edizioni Confronto Fondi, 1992
Licenza:
Creative Commons "Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale", http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

Data:
7 gennaio 2003
Opera elenco:
L
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Lorenzo Riccardi, lorenzo-riccardi@libero.it
Pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
Stefania Ronci, stefaniaronci@libero.it
Revisione:
Lorenzo Riccardi, lorenzo-riccardi@libero.it