Luigia CodèmoLuigia Codemo, o Luigia Codemo di Gerstenbrandt (Treviso, 5 settembre 1828 – Venezia, 3 agosto 1898), è stata una scrittrice e romanziera italiana autrice di racconti, romanzi, poesie e testi teatrali di ambiente contadino e spesso a sfondo patriottico.

Nacque in una famiglia di intellettuali: il padre Michelangelo era insegnante di lettere, la madre Cornelia Sale vedova Mocenigo, poetessa e traduttrice. Fece frequenti viaggi in Italia e all’estero, studiò pittura a Firenze ed ebbe occasione di conoscere e frequentare alcuni fra i più importanti letterati del XIX secolo quali Manzoni, Tommaseo e Giusti. Nel 1851 si trasferì a Venezia dove sposò Carlo di Gerstenbrandt.

Pubblicò il suo primo romanzo, Le memorie d’un contadino, nel 1856; l’opera, che narrava le vicende di un giovane contadino che si trasferiva a Venezia, riscosse consensi ed elogi soprattutto per la descrizione delle scene domestiche e per l’evidente adesione dell’autrice ai movimenti di indipendenza italiana.

Il linguaggio, mutuato dal Manzoni, appare poco curato; l’autrice tuttavia costruiva personaggi, soprattutto personaggi femminili, dal carattere netto e ben definito.

La Codemo si cimentò anche in testi teatrali: I due Barisani, ossia fa quel che vuol la terra (1882), L’ultima Delmosti, Un processo in famiglia (1868), Loda la rosa tieni la viola, Letterati e perpetue, La biscia becca il ciarlatano.

Note biografiche tratte e riassunte da Wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Luigia_Codemo

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
autore:
Luigia Codèmo
ordinamento:
Codèmo, Luigia
elenco:
C