Rime e ritmi

Rime e ritmi2018-04-17T11:26:14+00:00

Per rispettare la volontà dell’autore in questo archivio è presente anche “Il parlamento“, che nell’edizione del 1901 venne collocato, come parte integrante, dopo “Rime e ritmi”. Scritto nel settimo centenario della battaglia di Legnano, “Il parlamento” doveva far parte di un poemetto che voleva celebrare quel momento della storia italiana, e che si sarebbe dovuto sviluppare in tre parti (“Il parlamento”, “La battaglia” e “La fuga dell’imperatore”). Carducci non riuscì mai a terminare il poemetto, benché vi avesse lavorato a più riprese fino agli ultimi anni della sua vita.

Dall’incipit del libro:

ALLA SIGNORINA MARIA A.

O Piccola Maria,
Di versi a te che importa?

Esce la poesia,
O piccola Maria,
Quando malinconia
Batte del cor la porta.

O piccola Maria,
Di versi a te che importa?

Scarica gratis
ODTPDFvai a Yeerida

titolo:
Rime e ritmi
titolo per ordinamento:
Rime e ritmi
autore:
opera di riferimento:
Rime e ritmi / G Carducci ; A cura di L Banfi. - Milano : Mursia, 1987 (copyr). - XXXIII,180p ; 18cm.
cura:
Luigi Banfi
licenza:

data pubblicazione:
16 aprile 2018
opera elenco:
R
descrittore Dewey:
Poesia italiana (1859-1899)
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
POESIA / Generale
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Stefano D'Urso, mc6008@mclink.it
Catia Righi, catia_righi@tin.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Stefano D'Urso, mc6008@mclink.it
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK