Francesco Cusani (Milano, 14 novmbre 1802 – Carate Brianza, 12 dicembre 1879) è stato uno storico e scrittore italiano. Figlio del conte Carlo Cesare e dalla nobildonna Bianca Visconti, venne avviato agli studi al collegio di Gorla e poi al liceo di S. Alessandro in Milano, oggi Liceo classico Cesare Beccaria. Laureatosi all’Università di Pavia il 6 febbraio 1829, dovette, per motivi di ristrettezze economiche della famiglia, dedicarsi all’attività di traduzione e compilazione di vocabolari a rapida e vasta diffusione per diverse case editrici milanesi.

In particolare concentrò la sua attenzione sui romanzi di Walter Scott, J. F. Cooper e James Justinian Morier. In una seconda fase del suo lavoro di traduttore il Cusani mostra una preferenza, dal 1832, per testi storici e storico-divulgativi: è il caso dell’opera di Henry Brougham (Condizione politica ed economica degli Stati Uniti d’America, Milano 1832) e di Edward Bulwer Lytton (Ultimi giorni di Pompei, Milano 1835-36).

Sicuramente orientato all’analisi minuziosa delle ricerche d’archivio, ai viaggi e all’intento pedagogico della ricerca e dotato di un notevole bagaglio cultirale, il Cusani intraprende nel 1840 il primo dei suoi viaggi prodromici alla pubblicazione, qualche anno dopo, di due volumi dal titolo La Dalmazia e le isole Jonie e la Grecia. Memorie storico statistiche (Milano 1846-47).

Nel 1841 traduce dal latino l’opera De peste quae fuit anno 1630 delGiuseppe Ripamonti pubblicata con il titolo di La peste di Milano del 1630 (Milano 1841).

Testimone diretto dell’insurrezione di Venezia e Milano contro gli Austriaci, il Cusani invocherà l’alleanza tra lombardi e veneti contro gli Aburgo in Venezia e le città venete nella primavera del 1848: narrazione e riflessioni (Milano 1848). Temi che ricorreranno il 7 maggio dello stesso anno nel discorso celebrativo a Pontida La lega lombarda giurata in Pontida: “Descrizione coi discorsi pronunziati dal sacerdote Locatelli, Cesare Cantù, Francesco Cusani” (Milano 1848). Nel volumetto La Sicilia: cenni geografico-storici per l’intelligenza della guerra attuale (Milano 1860) il Cusani partecipa agli sforzi dei Siciliani e all’impresa di Garibaldi.

Nel 1861 il Cusani pubblica il primo volume della vasta Storia di Milano dall’origine ai nostri giorni e cenni storico-statistici sulle città e provincie lombarde, alla quale lavorò, senza poterla ultimare, per tutto il resto della sua vita.

Note biografiche tratte e riassunte da Wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Francesco_Cusani

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
autore:
Francesco Cusani
ordinamento:
Cusani, Francesco
elenco:
C