Canti Orfici

Canti Orfici 2017-12-13T17:03:33+00:00

Dall’incipit del libro:

Ricordo una vecchia città, rossa di mura e turrita, arsa su la pianura sterminata nell’Agosto torrido, con il lontano refrigerio di colline verdi e molli sullo sfondo. Archi enormemente vuoti di ponti sul fiume impaludato in magre stagnazioni plumbee: sagome nere di zingari mobili e silenziose sulla riva: tra il barbaglio lontano di un canneto lontane forme ignude di adolescenti e il profilo e la barba giudaica di un vecchio: e a un tratto dal mezzo dell’acqua morta le zingare e un canto, da la palude afona una nenia primordiale monotona e irritante: e del tempo fu sospeso il corso.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIPePub Yeerida

Opera:
Canti Orfici
Opera ordinamento:
Canti Orfici
Autore:
Fonte:
"Canti Orfici DIE TRAGÖDIE DES LETZEN GERMANEN IN ITALIEN", di Dino Campana; Poesie commentate da Mario Caronna; Rubbettino Editore; Messina, 1993
Cura:
Mario Caronna
Licenza:

Data:
16 febbraio 2006
Opera elenco:
C
Fonte ISBN:
88-728-4033-3
Soggetto BISAC:
FICTION / Classici
Affidabilità:
Affidabilità standard
Impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
Pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi.tin.it
Alberto Barberi, collaborare@liberliber.it
Revisione:
Catia Righi, catia_righi.tin.it