Apparso per la prima volta nel 1902 come figura minore nell’opera “L’uccellino bianco” (The Little White Bird, or Adventures in Kensington Gardens), il personaggio di Peter Pan divenne famoso dopo la versione Disneyana, che rispecchia più o meno fedelmente la storia originale. Nonostante sia uno dei più bei testi per ragazzi, in realtà Peter Pan è una fiaba che offre molti spunti di riflessione anche ai più grandi. Il testo è denso di allusioni e metafore che appartengono al mondo degli adulti: l’egocentrismo e la spensieratezza di Peter Pan, la compassionevole pazienza materna di Wendy, le pulsioni giovanili dei protagonisti, la sofferenza trasformata in odio di Capitan Uncino. I vari personaggi sono proiezioni efficaci del mondo reale e appaiono dotati di personalità complesse e travagliate come i nostri modi di essere. Peter Pan nei Giardini di Kensington non è soltanto un racconto sul passaggio all’età adulta, ma anche un manuale di comportamento per chi ha raggiunto la maturità.

Dall’incipit del libro:

Voi dovete capire da voi stessi che è un po’ difficile seguir le avventure di Peter Pan senz’avere una certa familiarità coi giardini di Kensington. Essi sono in Londra, dove vive il re d’Inghilterra, ed io ho l’abitudine di condurci ogni giorno il mio David, salvo il caso che sia decisamente infreddato. Nessun bambino ha mai visto tutti, tutti i giardini, per la ragione che vien sempre così presto l’ora di tornare a casa. E la ragione per cui vien così presto l’ora di tornare a casa è questa, che, se voi siete così piccoli come il mio David, appena fa buio, avete subito sonno. Se vostra madre non fosse più che sicura di questo, non vi manderebbe a letto tanto di buon’ora.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIPvai a Yeeridavai all'audiolibro

titolo:
Peter Pan nei giardini di Kensington
titolo per ordinamento:
Peter Pan nei giardini di Kensington
autore:
opera di riferimento:
Peter Pan nei giardini di Kensington / J. M. Barrie ; versione italiana di F. C. Ageno ; disegni di Ezio Anichini. – Firenze : Bemporad, [1934]. – 121 p. ; 22 cm.
licenza:

data pubblicazione:
10 luglio 2008
opera elenco:
P
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Vittorio Volpi, vitto.volpi@alice.it
pubblicazione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it
revisione:
Silvia Cecchini,silviacecchini@yahoo.it
traduzione:
Francesco C. Ageno