Giulio Bertoni

///Giulio Bertoni
Giulio Bertoni 2016-10-14T03:25:30+00:00

Giulio BertoniGiulio Bertoni nacque il 26 agosto 1878 a Modena, dove studiò fino ai primi anni delle superiori che completò a Torino. Nella stessa città si laureò (nel 1901) in lettere, avendo come professori Arturo Graf, Domenico Pezzi e Rodolfo Renier.

Appena ventenne scoprì Il complemento del canzoniere provenzale di Bernart Amoros che Renier stesso fu pronto ad accogliere nel suo «Giornale storico della letteratura italiana». La sua tesi di laurea fu una dissertazione su un poema franco-veneto conservato da un manoscritto estense, La guerra d’Attila di Nicolò da Casola. Trasferitosi a Firenze perfezionò i suoi studi sotto la guida di Pio Rajna.

Nel 1903, grazie a una borsa di studio si recò a Parigi, dove conobbe filologi e linguisti importanti come P. Meyer, A. Jeanroy, J. Gilliéron, A. Thomas. In quell’anno pubblicò due opere già di notevole impegno: un’edizione dei Trovatori minori di Genova che testimonia della sua acquisita competenza della tradizione provenzale, e un libro su La Biblioteca Estense e la cultura ferrarese ai tempi del duca Ercole I (Torino).

Fu professore di filologia romanza nell’università di Friburgo dal 1905 al 1921 e in questo periodo la sua attività di studioso si concretizzò nella pubblicazione di quasi 700 titoli. Nel 1917 fondò l’«Archivium Romanicum» che diresse fino alla morte. Insegnò a Torino dal 1921 al 1928, anno nel quale si trasferì a Roma. Dal 1932 fu Accademico d’Italia ed ebbe una parte rilevante nella preparazione del Dizionario dell’Accademia di cui uscì soltanto, nel 1942, il primo volume.

Nel 1933 assunse la direzione della redazione di un dizionario del lessico tecnico e scientifico marinaro italiano. L’opera, progettata dalla classe di Scienze fisiche dell’Accademia d’Italia nell’adunanza fin dal 1929, fu condotta a termine con la collaborazione di Enrico Falqui, di Angelico Prati e di altri specialisti alla fine del 1937. Nel 1938 uscì così il Dizionario di marina medievale e moderno, ancora oggi opera di riferimento per gli studi storici sul lessico marinaresco tradizionale italiano.

Nel 1938 per l’EIAR, (antesignana della RAI), Bertoni realizzò unitamente ad Alfredo Panzini e Francesco Alessandro Ugolini un corso radiofonico di lingua italiana a puntate (La lingua d’Italia), con lezioni sulla storia linguistica dell’italiano, sulla pronuncia, sui dialetti.

Questa esperienza fu alla base del Prontuario di pronunzia e di ortografia (EIAR 1939 e più volte ristampato fino al 1949), in cui si propugnava l’unificazione della pronuncia italiana sulla base del modello della "lingua romana" (che nulla ha a che spartire, cioè, con il romanesco, come gli stessi autori esplicitamente affermavano).

Nel 1941 fondò la rivista «Cultura Neolatina».

Ebbe interessi vasti (anche se non sempre approfonditi) che abbracciarono l’intero ambito del romanzo, dal dolce stil novo, di cui sostenne l’origine bolognese contro il De Lollis, alla cultura francese del Quattrocento e del Rinascimento, dalla poesia provenzale alla letteratura francese fino a Rabelais, dal latino alla dialettologia italiana.

La sua opera di critica e di linguistica fu di impianto essenzialmente positivista, su cui tentò di innestare le esigenze della linguistica e dello storicismo idealista (più risentendo però, dell’influsso del Gentile che di quello di Croce); ma cercò anche di riprendere e di svolgere la distinzione fra langue e parole del De Sausurre, parlando di lingua e di linguaggio, in un sistema teorico che chiamò «neolinguistica».

Fu curatore, nel 1935, dell’edizione critica della Chanson de Roland.

Morì a Roma il 28 maggio 1942.

Bibliografia:

  • Il dialetto di Modena. Introduzione, grammatica, testi antichi, Torino 1905.
  • Il Duecento, Milano, 1911.
  • Il cantare del Cid, introduzione, versione, note, con due appendici a cura di Giulio Bertoni, Bari, 1912.
  • L’elemento germanico nella lingua italiana, Genova, 1914.
  • I trovatori d’Italia. Biografie, testi, traduzioni, note, Modena, 1915.
  • L’Italia dialettale, Milano 1916.
  • L’Orlando furioso e la rinascenza a Ferrara, Modena, 1919.
  • I "Lais" del romanzo in prosa di Tristano, Torino, 1921.
  • Poeti e poesie del Medio Evo e del Rinascimento, Modena, 1922
  • Programma di filologia romanza come scienza idealistica, in "Archivium Romanicum", v. 2, 1922.
  • Ludovico Ariosto, Roma, 1925.
  • Breviario di neolinguistica, (in collaborazione con Matteo Bartoli), Modena, 1925.
  • La letteratura provenzale, Padova, 1926.
  • Poesie, leggende, costumanze del Medio Evo, Modena, 1927.
  • Spunti, scorci e commenti, 1928.
  • La Poesia di Federico Mistral, Roma, «La Nuova Antologia», 1 aprile 1930.
  • Linguaggio e poesia, Rieti, 1930.
  • Il linguaggio poetico di Ludovico Ariosto, Geneve, Firenze, 1931.
  • Lingua e pensiero. Studi e saggi linguistici, Firenze, 1932.
  • Muratori e le Opere varie critiche di L. Castelvetro, Modena, 1933.
  • I nuovi problemi della linguistica romanza, Paris, 1933.
  • La lingua della "Scuola poetica siciliana", Basel, 1935.
  • De Petrarque a Montaigne, Paris, 1936.
  • Antiche liriche portoghesi, Modena, 1937.
  • Lingua e poesia: saggi di critica letteraria, Firenze, 1937
  • La poesia di Cino da Pistoia, Pistoia, Estr. da: «Bullettino storico pistoiese», A. 39, n. 1/2/3, (1937).
  • Cantari di Tristano, Modena, 1937.
  • La vecchia e nuova questione della lingua, in «Nuova antologia», 16 novembre 1938-XVII, pp. 122-131.
  • Prontuario di pronuncia e ortografia, (in collaboraz. con F. A. Ugolini) Roma, 1939.
  • Lingua e cultura, Firenze, 1939.
  • Poesia provenzale moderna. La Pleiade del Felibrismo, Modena, 1940.

Fonti:

  • G. Nencioni: Idealismo e realismo nella scienza del linguaggio, Firenze, 1946.
  • G. Stendardo: Nota bibliografica essenziale su Giulio Bertoni, in «Cultura neolatina» XII, 1952.
  • Francesco Coco, Giulio Bertoni dialettologo, Modena, Aedes muratoriana, 1979.

Note biografiche a cura di Paolo Alberti

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
Autore:
Giulio Bertoni
Ordinamento:
Bertoni, Giulio
Elenco:
B