Tomo III

Dall’incipit del libro:

No sò più cosa dir, che hò dito tanto
In materia de Cazzo, e de chiavar,
D’andar in Culo, e farse buzarar,
Che mi no gò più vose per sto canto.

Vorrìa dir qualche buzara ogni tanto
Sù sto ponto per farmela passar,
Ma no sò da che banda scomenzar,
Che quel, ch’hò bù da dir, tutto l’hò spanto.

Bisognerìa toccar un altro ton,
Ma mi no incontrerò l’universal,
Perchè fuora de questo sò un cogion.

El mio forte xe star sul natural,
E tanto fà, che rompa ’l cannacchion.
Quando, che al Cazzo gò da dir Cotal,
Canterò sempre mal,

Farò, come fà tanti poetoni,
Che dà le gran seccade de cogioni
Co quei so iperboloni

De monti d’alabastro, e bianco late
Per no dir do bellissime culate;
Che buzare strafate!

Per descriver do Tette, e la Natura
Dir do colline, ed una valle oscura.
Per mi la xe segura,

Che se vorrò cantar per mio solazzo
Dirò Mona alla Mona, e Cazzo al Cazzo.

Scarica gratis
ODTPDF

titolo:
Raccolta universale delle opere
sottotitolo:
Tomo III
titolo per ordinamento:
Raccolta universale delle opere. Tomo III
autore:
opera di riferimento:
Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo veneto t. 3.[-4.]. - Cosmopoli, 1789. - 4 v. ; 8o. - Stampato a Genova o, piu probabilmente, a Venezia; cfr. Graesse, v. 1 p. 275. Tomo III : 312 p., [1] c. di tav. : front. calcogr
licenza:

data pubblicazione:
21 aprile 2013
opera elenco:
R
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Antonio Preto, antonio.preto1@virgilio.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Erminio Arioli, erarioli@libero.it