Considerazioni di un anarchico

Dall’incipit del libro:

La garçonne tipica è la femmina che vuole mascolizzarsi. È femminista, perchè vuole somigliare all’uomo. Si crede libera, perchè è scimmia. Non si avvede che tra la donna e l’uomo ci sono differenze psichiche irriducibili quanto quelle fisiche. Non vuole attuare in sè una vita superiore a quella della donna comune, passivamente onesta e schiavescamente laboriosa, ma conquistare la libertà volgare del maschio: quello di fare i propri comodi sessuali. Da questa lebbra di modernità scaturisce l’ermafrodito fenomeno dell’emancipate. Fenomeno che sarebbe impressionante fino a portare alle più apocalittiche previsioni sociali e morali, se la cosa non si risolvesse, nella generalità dei casi, in una truccatura. La garçonne è femmina, suo malgrado. Può radersi i capelli, può portare il colletto inamidato e i polsini, può arrivare a vestire i pantaloni, ma non rinuncerà a dipingersi le labbra, ad incipriarsi, a bistrarsi gli occhi, ad ossigenarsi. Non potrà non fermarsi davanti alle vetrine di moda, non osservare le tolette delle passanti, non camminare con passo ancheggiante.

Scarica gratis
PDFRTF + ZIPTXT + ZIP

titolo:
L'emancipazione della donna
sottotitolo:
Considerazioni di un anarchico
titolo per ordinamento:
emancipazione della donna (L')
autore:
opera di riferimento:
L'emancipazione della donna (considerazioni di un anarchico); di Camillo Berneri; Collana "Quaderni Liberi N. 1"; Edizioni RL; Pistoia, 1970
licenza:

data pubblicazione:
9 gennaio 2008
opera elenco:
E
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Paolo Alberti, paoloalberti@iol.it
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it