Il testo è presente in formato immagine sul sito “Scrittori d’Italia Laterza”. (http://www.bibliotecaitaliana.it/ScrittoriItalia/catalogo/).
Realizzato in collaborazione con il Project Gutenberg (http://www.gutenberg.org/) tramite Distributed proofreaders Europe (http://dp.rastko.net/).

Dall’incipit del libro:

ANFAR. Ecco, or di nuovo sul regal tuo seggio
stai, Leonida, assiso. Intera Sparta,
o d’essa almen la miglior parte, i veri
maturi savj, e gli amator dell’almo
pubblico bene, a te rivolti han gli occhi,
per ottener dei lunghi affanni pace.
LEON. Di Sparta il re non io perciò mi estimo,
finché rimane Agide in vita. Ei vive
non pur, ma ei regna in cor de’ molti. Asilo
gli è questo tempio, il cui vicino foro
empie ogni dí tumultuante ardita
plebe, che re lo vuol pur anco, e in trono
un’altra volta a me compagno il grida.
ANFAR. E temi tu d’esserne or vinto? Io ‘l giuro,
e gli altri efori tutti il giuran meco;
Agide mai non fia piú re. Ma, vuolsi
oprar destrezza or, piú che forza…
LEON. Egli era
da tanto giá, che co’ raggiri suoi,
con le sue nuove mal sognate leggi,
tutto sossopra a forza aperta porre,
e me cacciarne ardia del soglio in bando:
ed io, da’ miei fidi Spartani al soglio
richiamato, or dovrò con vie coperte
la vendetta pigliarne?

Scarica gratis
ODTPDFRTF + ZIPTXT + ZIPvai a Yeerida

titolo:
Agide
titolo per ordinamento:
Agide
autore:
opera di riferimento:
Tragedie - Vittorio Alfieri - volume 3 - collana Scrittori d'Italia nr 196 - Bari : G. Laterza, 1947 - 418 p. ; 22 cm
licenza:

data pubblicazione:
14 aprile 2010
opera elenco:
A
soggetto BISAC:
FICTION / Classici
affidabilità:
affidabilità standard
impaginazione:
Distributed proofreaders Europe, http://dp.rastko.net/
pubblicazione:
Catia Righi, catia_righi@tin.it
revisione:
Claudio Paganelli, paganelli@mclink.it