Pietro Aretino

///Pietro Aretino
Pietro Aretino2018-01-10T17:53:33+00:00

Pietro AretinoNato ad Arezzo nel 1492, Pietro Aretino non si denominò mai col suo patronimico (del padre Luca, un calzolaio, sappiamo ben poco) ma sempre col nome della sua città.

Della sua infanzia quasi nulla è noto, ma si sa che nell’adolescenza visse e a Perugia sia per frequentare l’università sia per studiare pittura, e come pittore si firmò per qualche tempo.

Nel 1517 fu a Roma, alla corte di Leone X; qui assistette al conclave del 1522, in occasione del quale compose delle pasquinate, ovvero dei poemetti satirici.

Con l’ascesa al soglio pontificio del fiammingo Adriano VI (o, come lo chiamò l’Aretino, “la tedesca tigna”) prese a viaggiare per la penisola e lavorò a Mantova, al servizio di Giovanni dalle Bande Nere.

Tornò a Roma nel ’23 e, sotto papa Clemente VII, riacquistò notorietà e benevolenza popolare.

In questo periodo compone i Sonetti Lussuriosi, ispiratigli dalle tavole pornografiche di M. A. Raimondi sui disegni di Giulio Romano, e scrisse la Cortigiana.

Ma l’invidia e la malevolenza del datario pontificio, mons. Giberti, interruppero questo periodo felice: alla fine del luglio 1525 viene accoltellato da un sicario del monsignore.

L’Aretino lasciò così Roma e, dal 25 marzo 1527, si trasferì a Venezia, la città anticortigiana per eccellenza, l’unica, a detta di lui, totalmente opposta a Roma, sede di tutti i vizi. Qui scrisse e diede alle stampe la maggior parte delle sue opere e qui morì, probabilmente di apoplessia, il 21 ottobre 1556.

Note biografiche a cura di Maria Agostinelli.

Elenco opere (click sul titolo per il download gratuito)

 
autore:
Pietro Aretino
ordinamento:
Aretino, Pietro
elenco:
A
Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui a utilizzare questo sito, assumiamo che tu ne sia felice. OK